Seguici su

Cronaca

Regione Fvg, Shaurli (Pd): “L’autocelebrazione di Fedriga stride con la realtà”

Pubblicato

il

FVG – “L’ autocelebrazione di mirabolanti risultati, la narrazione del ‘va tutto bene’ e ‘siamo i migliori della classe’ stride davvero con la realtà. Stride con la situazione della pandemia in Friuli Venezia Giulia, stride con le crisi aziendali in atto e con i numeri regionali degli infortuni sul lavoro, stride con le sfide ambientali dimenticate e col calo demografico ormai drammatico. Stona anche guardando al futuro, dove le scelte finora fatte col Pnnr e con la finanziaria sono vuote di qualsiasi dimensione strategica e di pensieri lunghi. Fedriga gonfia il petto ma finita l’eco delle parole resta il nulla, anzi resta il rammarico per milioni che scorrono via senza alcuna ambizione di innovare nel profondo la nostra regione”. Lo dichiara il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, a commento della conferenza stampa di fine anno del presidente della Regione Massimiliano Fedriga.

“Nel giorno in cui Fedriga elenca record – continua il segretario dem – i contagi sfondano il muro dei mille, si registra l’aumento del 12,4% di nuovi casi, il tasso di occupazione di pazienti Covid al 23,4% in area medica e del 16,6% in area critica. Gli operatori della sanità pubblica sono preoccupati ed arrabbiati per le linee aziendali e per le scelte in sanità, i cittadini disorientati per la mancanza di risposte su tracciamenti, liste d’attesa e servizi sul territorio. Anche l’assessore Riccardi è soddisfatto”, chiosa.

“Capiamo che i sondaggi sul gradimento, che peraltro ci si commissiona da soli, possano inebriare ma – evidenzia Shaurli – ciò che manca sono i risultati concreti. Al netto delle risorse che Governo ed Europa hanno messo a disposizione e che Fedriga fa bene a ringraziare, ciò che manca totalmente è la visione della Regione del futuro, la voglia, il coraggio, la capacità di fare riforme che diano risposte a cittadini e Comuni”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?