Seguici su

Cronaca

Caro bollette: l’Eurolls deve pagare 253mila euro per il mese di agosto

Renato Railz, amministratore dell’azienda, parla di “una situazione davvero insostenibile”

Pubblicato

il

VILLA SANTINA – La Eurolls, core business nell’avanzata industria metalmeccanica friulana, con sedi all’estero, che occupa circa 150 dipendenti e fattura 60 milioni all’anno, rende noto di aver ricevuto come bolletta dell’energia del mese di agosto, solo per lo stabilimento di Villa Santina, 253.502,69 euro, con un costo dell’energia elettrica di 0,60 euro/KWh e un incremento ulteriore rispetto agli oltre 170mila euro del mese di luglio, quasi a pari consumi. Renato Railz, amministratore dell’azienda, parla di “una situazione davvero insostenibile. Ogni equilibrio di mercato che regola, anche e soprattutto nel mondo degli affari, la domanda e l’offerta, si è compromesso. Sta andando in tilt tutto il sistema”.

Railz rivolge un “appello alla politica: servono decisioni forti, prese sin da subito. Si stanno compromettendo posti di lavoro, anni di attività e sacrifici”. Intanto, Eurolls pensa a potenziare i siti produttivi all’estero (Cina, Brasile, Messico): “Non possiamo pensare di investire in Italia con una situazione simile”.  L’appello alla politica è chiaro e forte. “Mi rivolgo anche a Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli Venezia Giulia, perché intervenga a livello di Governo centrale, subito. Non possiamo aspettare le elezioni. Sarà troppo tardi”, conclude.