Seguici su

Gorizia

Corriere piene, gli studenti restano a piedi: il caso finisce in Consiglio regionale

L’esponente del Gruppo Patto per l’Autonomia-Civica Fvg Simona Liguori, sulla questione vuole vederci chiaro e ha depositato un’interrogazione rivolta alla Giunta Fedriga

Avatar

Pubblicato

il

FVG – Il caso degli studenti lasciati a terra da corriere troppo piene e che non prevedono posti in piedi, finisce in Consiglio regionale. Lo fa sapere in una nota l’esponente del Gruppo Patto per l’Autonomia-Civica Fvg Simona Liguori, che sulla questione vuole vederci chiaro depositando un’interrogazione rivolta alla Giunta Fedriga. “La situazione che si è venuta a creare – spiega la rappresentante dei civici – provoca non pochi disagi e mette in difficoltà tanti ragazzi che quotidianamente, dalle varie località del territorio, devono raggiungere gli istituti scolastici di Udine e, a fine mattinata, fare il percorso inverso. Ho chiesto alla Giunta regionale di conoscere i tempi entro i quali l’azienda del trasporto pubblico locale Arriva Udine sottoscriverà un nuovo accordo con la Regione per poter utilizzare sulle corriere i posti in piedi omologati o parte di essi come accadeva negli anni passati”.

“Il contratto di servizio – ricorda la Liguori – prevede infatti che tutti i passeggeri abbiano, nelle tratte extraurbane, un posto a sedere, ma in passato era stato autorizzato un numero aggiuntivo di posti in piedi soprattutto per le ultime fermate delle linee utilizzate dagli studenti quando la richiesta risulta maggiore. A quanto pare questo non è più possibile, con il risultato che gli studenti non possono salire sul mezzo una volta esauriti i posti a sedere. Eppure per quel posto molti di loro hanno sottoscritto e pagato un abbonamento con costi che, seppure agevolati, in molti casi incidono pesantemente sul bilancio familiare”.

“La qualità del servizio offerto – conclude la consigliera di Opposizione – dovrebbe essere sempre garantita, ma comunque è sempre inammissibile che i ragazzi vengano lasciati a terra: la situazione va risolta e chi ne ha la responsabilità lo deve fare in fretta”.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità