Seguici su

Cronaca

Taglio del nastro per la scuola primaria Zorutti, rinnovata dopo due anni di lavori

De Toni: “In questo la primaria Zorutti è un esempio di scuola, dove la partecipazione di un quartiere si traduce in un patto educativo in cui tutti concorrono alla formazione delle cittadine e dei cittadini di domani”

Avatar

Pubblicato

il

UDINE – Il sindaco di Udine Alberto Felice De Toni, insieme all’assessore a Cultura e Istruzione Federico Pirone e l’assessore a Mobilità e Lavori pubblici Ivano Marchiol, ha fatto visita nella giornata di mercoledì 22 novembre alla scuola primaria Zorutti. La visita è stata l’occasione per inaugurarla ufficialmente dopo i lavori molto importanti che hanno interessato l’edificio di via XXX ottobre negli ultimi due anni, prima della riapertura lo scorso settembre, quando sono stati riaccolti le alunne e gli alunni, la cui attività didattica era stata spostata temporaneamente alla scuola Garzoni.
“È doveroso congratularmi in primo luogo con il dirigente della Zorutti, le insegnanti e gli insegnanti che nel loro complesso ruolo di primi rappresentanti delle istituzioni di fronte al pubblico più giovane, sono riusciti a creare un bellissimo ambiente e contribuiscono ad alimentarlo giorno dopo giorno. Le scuole vivono se c’è compartecipazione da parte di famiglie e insegnanti. In questo la primaria Zorutti è un esempio di scuola, dove la partecipazione di un quartiere si traduce in un patto educativo in cui tutti concorrono alla formazione delle cittadine e dei cittadini di domani”, queste le parole del sindaco al termine della visita. De Toni si è poi rivolto alle bambine e ai bambini: “La scuola è un luogo di fuga dalle gabbie dell’ignoranza ed è una tappa fondamentale nel percorso del vostro sviluppo come persone”.

La scuola ha subito degli interventi molto importanti di adeguamento dal punto di vista sismico, che sono iniziati a giugno 2021 e si sono conclusi in corrispondenza dell’inizio dell’anno scolastico in corso. Sono state consolidate le strutture portanti e quelle perimetrali, con particolare attenzione a eseguire i lavori senza deturpare le superfici esterne. Operazioni che hanno aumentato notevolmente la capacità di resistenza dell’immobile, in aggiunta alla realizzazione della nuova copertura. Inoltre, a completamento del progetto di riqualifica dell’immobile, sono stati ristrutturati i servizi igienici e sono stati realizzati nuovi impianti elettrici e idraulici. La scuola è stata dotata infine di una nuova rete interna per la connessione internet e di un rinnovato allacciamento alla fibra ottica. “Siamo rimasti davvero sorpresi per l’accoglienza che ci hanno riservato le alunne e gli alunni della scuola Zorutti”, commenta l’assessore Pirone. “Come Amministrazione abbiamo il dovere di fare crescere le nostre ragazze e i nostri ragazzi in scuole sicure e organizzate, che rappresentino per loro luoghi felici. Gran merito di questo va alle insegnanti e agli insegnanti – precisa l’assessore – che sono le figure principali per la loro formazione ed educazione e che non possiamo che ringraziare una volta di più”.

Durante la visita le alunne e gli alunni della scuola, accompagnati dalle insegnanti, hanno invitato il sindaco e gli assessori a partecipare alla semina del piccolo orto che è stato allestito nel giardino della scuola. “La scuola funziona allo stesso modo” – ha detto l’Assessore Pirone alle classi presenti – “i bambini sono i germogli di oggi e gli alberi di domani. L’educazione è la prima grande infrastruttura pubblica di cui bambine e bambini fanno esperienza, per questo nel Bilancio previsionale che abbiamo appena presentato, sono stati inseriti 12 milioni per i servizi educativi, grazie ai quali potremo intervenire a favore delle famiglie e dei bambini presenti nei quartieri della nostra città”.
Marchiol ricorda come “il contesto in cui è inserita la scuola Zorutti è per noi molto importante perché è l’esempio perfetto di scuola di quartiere. Come amministrazione – aggiunge – intendiamo intervenire, come già abbiamo fatto proprio qui in via XXX Ottobre, non in maniera puntuale su singoli siti, ma piuttosto nell’ottica di adattare i contesti urbani alle esigenze delle famiglie per garantire l’accessibilità e la sicurezza di tutte le cittadine e tutti i cittadini”
I lavori, iniziati con la precedente amministrazione e seguiti in particolare dall’ex vicesindaco Loris Michelini, sono stati eseguiti dalla ditta Valerio Sabinot Srl e hanno avuto un costo complessivo di un milione e 750 mila euro.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?