Seguici su

Trieste

Socializzazione e cultura: Trieste celebra gli anziani con arte e musica

Arte, musica e lettura: come Trieste rivoluziona la vita degli anziani nelle case di riposo con il progetto di socializzazione della Fondazione CRTrieste

Avatar

Pubblicato

il

Presentata oggi la 16ª edizione del “Progetto di socializzazione anziani”
Presentata oggi la 16ª edizione del “Progetto di socializzazione anziani”

TRIESTE – Nella sede della Fondazione CRTrieste, è stata presentata oggi la 16ª edizione del “Progetto di socializzazione anziani”, un’iniziativa vitale per contrastare l’isolamento sociale tra gli ospiti delle case di riposo della provincia di Trieste. Questo programma, nato nel 2008, ha ripreso a pieno regime dopo gli impedimenti causati dalla pandemia di Covid-19, progettato per continuare fino a febbraio 2025.

Obiettivo e importanza del progetto

L’obiettivo principale del progetto è promuovere la socializzazione tra gli anziani ospiti delle case di riposo, un gruppo spesso a rischio di isolamento sociale, il quale può portare a conseguenze negative sulla salute mentale e fisica degli individui. Le attività di intrattenimento e di animazione offerte mirano a superare l’isolamento psicologico derivante dalla vita all’interno delle strutture residenziali.

Un ritorno alle radici pre-pandemia

L’edizione 2024 del progetto riporta in scena il cliché molto apprezzato delle edizioni precedenti, con la collaborazione consolidata , L’Armonia Aps. Centinaia di spettacoli in dialetto triestino si terranno in 20 residenze cittadine, coinvolgendo direttamente gli ospiti attraverso esibizioni che includono momenti musicali partecipativi.

La musica: ponte inter-generazionale e terapeutico

La musica, considerata come un linguaggio universale, gioca un ruolo centrale nel progetto. Grazie alla collaborazione con il Conservatorio Tartini e la Glasbena matica di Trieste, studenti e musicisti offrono performance in diverse case di riposo, spaziando dai generi jazz e classici alla musica popolare. Queste esibizioni non solo intrattengono, ma anche sollevano l’umore degli anziani, stimolando la memoria e il benessere generale.

Distribuzione di “Il Piccolo”

La Fondazione CRTrieste assicura l’accesso quotidiano al giornale locale Il Piccolo nelle case di riposo, mantenendo un collegamento vitale con la realtà cittadina. Questa iniziativa non solo fornisce informazioni attuali agli ospiti, ma funge anche da supporto terapeutico, migliorando la loro percezione spazio-temporale e riducendo il senso di isolamento.

Impatti e riconoscimenti

Francesco Prioglio, Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione CRTrieste, sottolinea l’importanza di supportare i più vulnerabili nella società, riducendo l’isolamento che spesso affligge gli anziani. Le testimonianze dei partecipanti e dei referenti delle case di riposo indicano che il progetto non solo intrattiene, ma rafforza il senso di comunità e benessere tra gli ospiti.

Il successo della 16ª edizione del “Progetto di socializzazione anziani” evidenzia l’efficacia di iniziative integrate che valorizzano la cultura locale e stimolano l’interazione sociale. Con il supporto continuo delle istituzioni locali, delle associazioni culturali e delle comunità educative, il progetto continua a crescere, offrendo agli anziani non solo momenti di svago, ma anche un rinnovato senso di appartenenza e connessione con la comunità più ampia.

Questo programma non solo celebra la vitalità culturale di Trieste, ma dimostra anche come l’arte, la musica e la lettura possano unire generazioni e migliorare significativamente la qualità della vita degli anziani nelle strutture di cura della città.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità