Seguici su

Pordenone

Disabilità e integrazione, un progetto pilota a Pordenone da estendere a tutto il FVG

Pordenone presenta due iniziative innovative per la disabilità: una convenzione assicurativa unica in Italia e una guida sui diritti dei disabili. L’assessore Riccardi vuole estendere questi progetti a tutto il Friuli-Venezia Giulia

Avatar

Pubblicato

il

L'assessore Riccardo Riccardi, al centro del tavolo, alla presentazione delle iniziative sulla disabilità a Pordenone - Disabilità e integrazione, un progetto pilota a Pordenone da estendere a tutto il FVG
L'assessore Riccardo Riccardi, al centro del tavolo, alla presentazione delle iniziative sulla disabilità a Pordenone

Pordenone si è fatta promotrice di due importanti iniziative legate al mondo delle disabilità, dimostrando come l’intervento del terzo settore possa portare a risultati significativi. Alla presentazione dei progetti, l’assessore regionale alla Salute, politiche sociali e disabilità Riccardo Riccardi ha evidenziato l’importanza di estendere queste esperienze a tutto il territorio regionale.

Polizze assicurative per le persone con disabilità

Un progetto pilota, unico in Italia, ha portato alla creazione di una convenzione assicurativa per le persone con disabilità e le loro famiglie. Realizzato dalla Consulta delle Associazioni delle persone con disabilità di Pordenone, questo progetto prevede polizze assicurative specifiche, garantendo così una protezione fondamentale e innovativa.

La guida “Ti regalo i tuoi diritti”

La seconda iniziativa presentata è la guida informativa “Ti regalo i tuoi diritti”, realizzata dall’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili di Pordenone. Questo manuale fornisce informazioni cruciali su come ottenere l’invalidità civile e sulle normative che tutelano i diritti delle persone con disabilità e dei loro familiari, rendendo più accessibile e comprensibile l’intero iter burocratico.

Un modello di sussidiarietà

Riccardi ha sottolineato come queste esperienze rappresentino un modello di sussidiarietà che coinvolge sia il settore pubblico che quello privato. Le compagnie assicurative, pur non essendo enti di beneficenza, hanno collaborato per trovare soluzioni innovative che rispondono ai bisogni socio-sanitari del mondo della disabilità.

Verso un futuro inclusivo

L’assessore Riccardi ha ribadito che nel 2024 non è più accettabile che una persona con disabilità non possa essere assicurata. Ha inoltre evidenziato come la Regione Friuli-Venezia Giulia stia lavorando per essere all’avanguardia a livello nazionale nell’affrontare la disabilità, considerandola una cronicità che richiede risposte adeguate e integrate nel sistema socio-sanitario.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità