Seguici su

Cultura

Tango y Copas: ritorna la rassegna di tango alla villa Frio Frio di Ronchi dei Legionari

Contizanetti y el flaco Cagna, Mazza y Scolz, Despeyroux y La Pebeta, i primi tre grandi appuntamenti in quello che ormai è un punto di riferimento in regione per la musica argentina

Pubblicato

il

foto: Contizanetti & el flaco Cagna

RONCHI DEI LEGIONARI – C’è una frazione di Baires che ogni anno in estate prende vita e che si chiama Ronchi dei Legionari. L’indirizzo è quello di via d’Annunzio, quando vedete la villa Frio Frio e sentite arrivare le note di Piazzolla, Gardel, Goyeneche, Rivero, allora siete arrivati. Il merito è dei titolari, Rita e Miguel, già studenti dell’Accademia dell’Arte Drammatica di Buenos Aires, da oltre trent’anni in Italia, titolari della sopracitata villa gelateria e b&b, e naturalmente grandi appassionati di tango. 

Ogni martedì dal 19 luglio dalle ore 21.00 va in scena Tango y Copas dove si danno appuntamento i migliori interpreti della musica argentina per eccellenza «accompagnate da deliziose coppe gelato al compás del tango argentino! Dal vivo e con mucha onda!» come sottolineano i titolari stessi.

I protagonisti: «il 19 suonerò come lo scorso anno con il cantante con cui collaboro da tanti anni, Luis “el flaco” Cagna e proporremo un repertorio sulla parola cantata, sui grandi poeti del tango.» Sono le parole di Eduardo Contizanetti, chitarrista originario della Patagonia, da oltre quindici anni in FVG, che aggiunge «in regione, ma anche fuori regione, è rarissimo sentire questo tipo di repertorio sulla poesia del tango e sul connubio parolieri-grandi musicisti; a questo aggiungerò alcuni strumentali originali e classici come Piazzolla, che non può mai mancare essendo il grande ambasciatore della nostra musica nel mondo. Ho il piacere di aprire il calendario e devo dire che guardandomi intorno, con tutta questa omologazione, ritrovare quest’isola dove si fa musica di qualità è veramente una novità; noi musicisti ci sentiamo liberi di esprimerci… non succede ovunque insomma. Perchè alla villa FF noi musicisti, e voi ascoltatori!, abbiamo il privilegio di avere un luogo che porta l’attenzione su questa musica, il tango, in un modo meno scontato, per nulla stereotipato. Cerchiamo di trasmettere quell’atmosfera che succede a Buenos Aires, nei locali, dove il tango è presente alla stregua di punto di aggregazione.» 

Martedì successivo, 26 luglio: «il programma sarà strutturato praticamente in due parti; una prima caratterizzata dal repertorio tradizionale con spazio a  tanghi come Don Juan, 9 de Julio, Desde l’alma, mentre la seconda si concentrerà su brani di Astor Piazzolla: da Libertango a Milonga sin Palabras sempre arrangiati per Bandoneon e Pianoforte.» Sono le parole di Samuele Francesco Mazza, protagonista assieme al pianoforte di Alessandro Scolz della seconda serata in agenda che ci racconta la genesi del suo amore per questa musica: «ho potuto effettivamente toccare il tango con mano nel 2015 durante una piccola tournée in Argentina. Rimasi folgorato dal suono del bandoneon, quindi decisi proprio in quei venti giorni di comprarne uno e così fu. Arrivato in italia con il bandoneon capì sin da subito la difficoltà di trovare insegnanti di questo straordinario strumento. Dopo un po’ di ricerca trovai un insegnante di fama internazionale ma a 500 km (dalla Calabria a Roma). Non per questo mi sono scoraggiato e ogni quindici giorni e per diversi anni ho viaggiato per impararlo. Con Alessandro Scolz ci siamo incontrati tramite la Transónica Tango Orchestra che cercava un altro bandoneonista e quindi ci siamo conosciuti. Adesso collaboriamo nell’orchestra, in duo (come ci sentirete al FF) e a brevissimo anche in trio.» Ciliegina sulla torta (visto che siamo anche nel posto adatto!) l’esibizione dei ballerini Davide Zucca e Sara Barile, allievi ne “EL CXUCE TANGO” di Vanessa Villalba e Facundo Piñero e che possono vantare la propria partecipazione ai mondiali di tango argentino a Buenos Aires di tre anni or sono.

Corazón al sur s’intitola l’ultimo dei tre appuntamenti, data 2 agosto.

La cantante María Fernanda Ochoa (Rosario) in arte La Pebeta e il chitarrista Pablo Despeyroux (Montevideo) daranno vita ad uno spettacolo intimo con tutta la passione ed i colori del tango.

«La scaletta contiene il tango, la milonga, il vals criollo e il candombe dei grandi compositori del Río de la Plata: Astor Piazzolla, Sebastián Piana, Pedro Laurenz, Matos Rodríguez» ci introduce il chitarrista originario dell’Uruguay, «brani a cui teniamo tantissimo come Muñeca Brava, Volver, Nada, Naranjo en flor, Chiquilín de Bachín, Garganta con arena, trasporteranno il pubblico attraverso i diversi stili del tango!» 

 

Riepilogo del calendario:

martedì 19 luglio: Contizanetti y Luis el flaco Cagna

martedì 26 luglio: Samuele Francesco Mazza y Alessandro Scolz

martedì 2 agosto: La Pebeta y Pablo Despeyroux

 

Per info e prenotazione tavoli: 0481474106 

fb Villa Frio Frio

foto: Despeyroux y La Pebeta (foto di Erve Miozzo)

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?