Seguici su

Cronaca

Europa: Fedriga invita la presidente del Parlamento Ue a GO!2025

Incontro tra il governatore e Roberta Metsola

Pubblicato

il

FVG – L’invito a presenziare all’evento internazionale che vedrà Gorizia assieme a Nova Gorica Capitale europea della Cultura 2025, la sensibilizzazione sul problema energetico che sta attanagliando il sistema produttivo regionale e, infine, il ruolo della Protezione civile regionale nel supporto dato ai profughi dall’Ucraina: questi i punti focali dell’incontro che il governatore Massimiliano Fedriga ha avuto oggi a Bruxelles con la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola.
Come ha spiegato il governatore, il Friuli Venezia Giulia nel 2025 ha in programma un anno di grandi eventi culturali legato a Nova Gorica e Gorizia Capitale europea della Cultura. “Un appuntamento – ha aggiunto – a cui la Regione sta dedicando un impegno economico e organizzativo importante, proprio nell’ottica di valorizzare il ruolo internazionale del Friuli Venezia Giulia attraverso la collaborazione e il dialogo transfrontalieri”.

Passando al tema energetico Fedriga ha manifestato alla presidente la preoccupazione per l’aumento dei prezzi dell’energia che incide sia sulla popolazione che sul settore produttivo. In tal senso il governatore ha sottolineato l’esigenza di un intervento europeo per un tetto al prezzo del gas, evitando soluzioni di singoli Paesi che così facendo depotenziano il ruolo di un’Unione europea solidale e vicina ai problemi dei cittadini.
L’interesse della presidente Metsola è ricaduto poi sul ruolo avuto dalla Regione con la Protezione civile nell’aiuto ai profughi ucraini attraverso l’invio di mezzi e di volontari in Polonia. A tal riguardo Fedriga ha ricordato come l’idea di protezione civile nacque proprio in Friuli Venezia Giulia a seguito del terremoto del 1976. Sempre in tema di profughi ucraini, Fedriga ha rimarcato i percorsi d’accoglienza avviati dalla Regione che hanno previsto un accompagnamento sia scolastico sia lavorativo riservato alle persone che sono state costrette a lasciare il proprio Paese per la guerra.
Infine, al termine del cordiale colloquio, la presidente Metsola ha confidato al governatore di conservare uno speciale ricordo di Trieste e, in particolare, del suggestivo affaccio sul mare di piazza dell’Unità e delle eccellenze enogastronomiche del Friuli Venezia Giulia.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?