Seguici su

Cronaca

Taglio del nastro per la nuova rotonda di Percoto, realizzata in tempi record

L’assessore Bini: “Opera importante per il territorio, che garantirà alla comunità attrattività e bellezza, ma soprattutto sicurezza per tutti gli automobilisti in transito su questa arteria”

Pubblicato

il

PAVIA DI UDINE – “La rotonda su uno degli assi viari più trafficati di Percoto è stata realizzata in un tempo record, un mese prima del cronoprogramma previsto, ed è la dimostrazione di quanto l’Amministrazione regionale, Fvg Strade assieme al Comune di Pavia, abbiano lavorato in modo efficiente. Si tratta di un’opera importante per il territorio, che garantirà alla comunità attrattività e bellezza, ma soprattutto sicurezza per tutti gli automobilisti in transito su questa arteria”. Lo ha affermato l’assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini all’inaugurazione della nuova rotatoria realizzata al posto dell’impianto semaforico in uno dei nodi viari più trafficati di Percoto, tra le vie Aquileia e Crimea lungo l’ex Sp 78, che collega Pavia di Udine alle zone industriali di Manzano e San Giovanni al Natisone.
Il finanziamento dell’opera è con fondi regionali della Regione (600mila euro) per il tramite della società Fvg Strade Spa, sulla scorta della convenzione sottoscritta tra la stessa Fvg Strade ed il Comune.
All’inaugurazione è intervenuto tra gli altri, oltre al sindaco Beppino Govetto, anche l’onorevole e già assessore regionale alle Infrastrutture Graziano Pizzimenti che aveva promosso la fattibilità dell’intervento.

Il sindaco ha rilevato l’importanza dell’opera per la messa in sicurezza dell’area – la nuova rotatoria permetterà uno scorrimento più agile del traffico, mantenendo ottimi standard di sicurezza per coloro che usano il tratto a piedi o in bici – e per la sostenibilità, grazie alla diminuzione dell’impatto acustico e dell’inquinamento atmosferico.
Grazie a un accordo con Banca Ter e il Gruppo alpini di Percoto anche la manutenzione della rotonda verrà garantita capillarmente

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?