Seguici su

Cronaca

Nuova sede per l’Ute Naliato di Udine: taglio del nastro a Paderno

Una realtà radicata che proprio quest’anno compie quarant’anni

Pubblicato

il

UDINE – L’inaugurazione di una nuova sede associativa è sempre una festa, tanto più quando il restyling consente a un’istituzione culturale di organizzare con maggiore comodità un’attività imponente, con trecento corsi frequentati da migliaia di persone.  È questo il caso dell’Università della terza età “Paolo Naliato” di Udine, presieduta da Maria Letizia Burtulo, una realtà radicata che proprio quest’anno compie quarant’anni. Alla cerimonia di inaugurazione ha partecipato anche Piero Mauro Zanin, presidente del Consiglio regionale, assieme ai consiglieri Mauro Di Bert, Franco Iacop e Mariagrazia Santoro. I responsabili dell’Ute ne hanno approfittato per ringraziare il Consiglio del sostegno finanziario ricevuto per la ristrutturazione dell’immobile di via Piemonte a Udine.
“A partire da un emendamento presentato da Di Bert – ha ricordato la massima carica dell’Assemblea legislativa – tutti i colleghi hanno votato, all’unanimità, questa misura. Ed è dunque a nome di tutto il Consiglio che io vi ringrazio per l’opportunità che fornite a tanti cittadini di mantenersi mentalmente giovani, attivi, di approfondire e di incontrarsi, riscoprendo il piacere delle relazioni”.

“Oggi può sembrare scontato – ha osservato ancora Zanin – che esistano queste possibilità, ma 40 anni fa non era così e dunque Paolo Naliato ebbe davvero una grande intuizione. Il vostro impegno nasce dalla convinzione che non si finisce mai di imparare, ma anche che è bello insegnare e condividere, in una relazione biunivoca tra chi tiene i corsi e chi li segue”.
“Si tratta davvero di un processo sussidiario, che nasce dal basso, dalla base – ha concluso il presidente – e che è capace di dare risposte ai bisogni. Fa piacere vedere tante persone al servizio dell’uomo per l’uomo, perché questo impegno insegna anche a noi politici quella che dovrebbe essere la ricerca del bene comune”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?