Seguici su

Gorizia

Programma di mandato della giunta regionale: minoranze deluse

Moretuzzo: “Credo ci siano state delle omissioni importanti nel discorso del presidente, a partire dall’emergenza climatica legata al riscaldamento globale”

Avatar

Pubblicato

il

FVG – Maggioranza soddisfatta e ottimista, opposizioni deluse da alcune importanti omissioni da parte del riconfermato governatore. Al termine della presentazione del programma di governo da parte di Massimiliano Fedriga, la parola è passata ai capigruppo, intervenuti a margine della seduta d’Aula sul contenuto delle linee programmatiche per la XIII legislatura.

GIACOMELLI (FDI): AMBIZIONE E REALISMO – “Dopo aver vinto le elezioni – ha commentato il vertice di Fratelli d’Italia, Claudio Giacomelli – il Centrodestra si è presentato oggi con la sua Giunta definendo un programma che è ambizioso, ma al tempo stesso realistico. I punti chiave sono stati illustrati: infrastrutture, famiglia, il problema della denatalità, la sanità, con un piano straordinario emergenziale sulle liste d’attesa. Sarà un lungo lavoro ma penso andrà bene come l’altra volta”.
CALLIGARIS (LEGA): LAVORO PER I GIOVANI – Riprendendo quando dichiarato dal presidente Fedriga in merito al problema della denatalità, per Antonio Calligaris, scelto come capogruppo della Lega, “siamo di fronte a grandi scelte e grandi politiche integrate per quanto riguarda lo sviluppo economico, la famiglia e il lavoro: con questo nucleo di obiettivi si combatte la denatalità. Quindi solo se riusciremo a garantire ai giovani del Friuli Venezia Giulia un lavoro potremo avere figli, frenando il calo demografico, e avremo un futuro per questa regione”.
DI BERT (FP): STAGIONE DI GRANDI RIFORME – Per Mauro Di Bert, presidente del Gruppo Fedriga presidente, “si tratta di programma chiaro e lineare, sul solco del quinquennio passato. Si riuscirà, con impegno, a mettere a terra una serie di riforme importanti, tra sanità, agricoltura, sport. Il discorso ha dato uno spaccato a 360 gradi di tutte le attività e le priorità per lo sviluppo del nostro Friuli Venezia Giulia”.
CABIBBO (FI): IMPEGNO SU TEMATICHE IMPORTANTI – Per il capogruppo di Forza Italia, Andrea Cabibbo, Fedriga “ha ripercorso tutti gli sforzi profusi nella precedente legislatura e ha rilanciato, date anche le difficoltà strutturali derivanti dal periodo della pandemia, l’impegno per i prossimi cinque anni su temi importanti quali infrastrutture, rapporto con il Governo, autonomie locali, natalità e famiglia. Le parole del presidente ci fanno guardare in positivo e con fiducia al futuro”.

MORETUZZO (PATTO-CIVICA): DIMENTICATA EMERGENZA CLIMA – Massimo Moretuzzo, capogruppo di Patto per l’Autonomia-Civica Fvg, ha parlato di una “presentazione in grande continuità con la legislatura precedente, ma che poteva andare bene 20 anni fa.
Credo ci siano state delle omissioni importanti nel discorso del presidente, a partire dall’emergenza climatica legata al riscaldamento globale a tutto il tema degli enti locali, che non è stato toccato se non con un cenno fugace alle nuove province. Ci sarà molto da lavorare – secondo il leader autonomista – e noi faremo la nostra parte con lealtà e fermezza sui temi centrali per i prossimi cinque anni”.
MORETTI (PD): LINEE CONFUSE CON TROPPE OMISSIONI – Secondo il capogruppo del Partito Democratico, Diego Moretti, quanto
ascoltato in Aula è stato “un intervento di ordinaria amministrazione, assolutamente deludente. Ci ha colpito l’omissione sull’autonomia degli enti locali, salvo solo intervenire su quelle che saranno le prossime province. Insomma, un discorso che approfondiremo, ma che ci ha deluso”.
CAPOZZI (MISTO): ENTI PERIFERICI SOLITO POLTRONIFICIO – Due gli aspetti che hanno colpito la presidente del Gruppo Misto, Rosaria Capozzi: “Fedriga ha ribadito la linea portata avanti questi cinque anni, con una sanità che spinge verso le strutture private pur investendo soldi pubblici; spicca poi il tema della creazione degli enti periferici, utili solo a soddisfare gli appetiti di alcune correnti politiche”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?