Seguici su

Eventi & Cultura

Giro di boa per la nuova edizione di Casamia

Tornano le residenze artistiche in montagna: le nove comunità coinvolte nell’edizione transfrontaliera 2023 ospiteranno artisti da tutta Italia e dall’estero

Avatar

Pubblicato

il

Dopo il successo dell’edizione 2022, si rinnova l’appuntamento con Casamia, il progetto di residenze artistiche che, fino a giugno 2023, porterà in Carnia, Val Canale/Canal del Ferro e nella provincia di Hermagor artisti provenienti dall’Italia e dall’estero. Quest’anno il progetto, promosso dal Comune di Ravascletto in collaborazione con il Comune di St. Stefan im Gaital e finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020 (Strategia transfrontaliera CLLD HEurOpen del GAL Region Hermagor, Euroleader ed Open Leader), coinvolgerà, per la parte italiana, nove comunità che ospiteranno più di dieci artisti che si immergeranno completamente nella loro musica, interagendo con le comunità ospitanti e i meravigliosi territori circostanti. Francesco Rossi, project manager del progetto, ha spiegato come Casamia anche per questa edizione transfrontaliera si pone l’obiettivo di portare la musica e la cultura nelle montagne friulane e austriache e creare relazioni profonde tra territori e artisti: «Come in passato, le tre colonne portanti del progetto saranno la casa, la musica e la montagna. Casamia continuerà a proporre una serie di residenze artistiche che culmineranno in concerti per le comunità ospitanti – ha spiegato . Siamo grati per i feedback positivi ricevuti nel corso degli anni dal territorio e speriamo di continuare a contribuire alla creazione di una rete di comunità in Carnia e oltre».

IL PROGRAMMA – Dopo le prime residenze artistiche e le prime restituzioni – il duo Lej composto da Nicholas Remondino e Natalia Rogantini a Zovello, Devid Strussiat a Cleulis, Charly Gamba e Mauro Cordella del duo Le Fregole a Socchieve, Frank Cosentini e Agathe Francopoulo di A Birchola a Preone e Byenow aka Nicholas Remondino e Andrea Dellapiana a Dordolla – Casamia è giunto al giro di boa!

A maggio “Casamia: nuove strategie per la collaborazione transfrontaliera in ambito culturale” è approdata a Pesariis (Prato Carnico), con la residenza di Rareş dal 6 al 14 maggio, che si esibirà con Simone Grande il 13 maggio alle 18 all’Agriturismo Sot la Napa.

È tornata anche a Dordolla, dove si sta svolgendo la residenza dell’artista Sergio Zarabara, dall’11 al 14 maggio; il suo concerto è in programma il 14 maggio alle 18, al Bar Da Fabio.

Sarà poi la volta di Candirù (alias Jacopo Candela) e Chiara Benedetti, in residenza a Trava dal 14 al 21 maggio. Si esibiranno all’Osteria al Cral, sempre alle 18, sabato 20 maggio. Camilla Musso porterà le sue melodie a Ovaro, frazione Muina, dal 21 al 28 maggio; il 27 maggio, alle 18, presenterà il risultato della sua residenza in un concerto in programma al Bar Cooperativa Muina.

Gran finale con l’eclettico Phill Reynolds che verrà ospitato dalla comunità di Salars a Ravascletto dal 27 maggio al 4 giugno. La restituzione è in programma il 3 giugno alle 18, nella comunità della Valcalda. Sempre a Ravascletto avrà luogo l’evento conclusivo del progetto: una giornata di laboratorio musicale aperto agli operatori del territorio con il pianista armeno Karen Asatrian, a cui seguirà un concerto live.

CASAMIA – L’evento è organizzato dal Comune di Ravascletto quale soggetto attuatore del progetto “Casamia: nuove strategie per la collaborazione transfrontaliera in ambito culturale” finanziato dal CLLD HEurOpen del Programma di cooperazione Interreg V-A Italia- Austria 2014-2020.

Informazioni: casamiaresidenze.it | Facebook & Instagram @casamiaresidenze | info@casamiaresidenze.it

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?