Seguici su

Cronaca

Istruzione, l’annuncio di Rosolen: «Finanziati tutti i progetti didattici delle reti scuole»

Approvata dalla Giunta regionale la delibera proposta dall’assessore

Avatar

Pubblicato

il

FVG – “È un atto importante, perché va a finanziare tutti i progetti presentati alla Regione da reti di scuole su aree tematiche di rilevante interesse per gli studenti, su campi che spaziano dalle competenze europee all’innovazione digitale”. Così l’assessore regionale all’Istruzione, Alessia Rosolen, a margine dell’approvazione da parte della Giunta, su proposta della stessa Rosolen, della delibera afferente ai progetti e al relativo schema di convenzione sugli interventi a favore delle scuole su tematiche di rilevante interesse in ambito scolastico ed educativo.

Come ha spiegato l’esponente della Giunta, il provvedimento rientra nel ‘Piano triennale di interventi per lo sviluppo dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche del sistema regionale del Friuli Venezia Giulia’. “Si è verificata nel corso delle procedure la situazione che su alcune aree tematiche – ha sottolineato l’assessore – le proposte progettuali hanno superato il numero previsto dall’Avviso, mentre su altre aree la risposta è stata inferiore al limite prefissato. Gli uffici quindi hanno provveduto, in considerazione del fatto che le risorse complessive risultavano sufficienti, ad approvare tutti i progetti, a prescindere dall’area tematica di riferimento”. “Questa soluzione – ha continuato l’assessore – consente un miglior utilizzo delle risorse pubbliche e, contemporaneamente, la realizzazione di un numero maggiore di progetti, senza penalizzazione per alcuno dal momento che tutte le proposte vengono finanziate”.

Oltre alle competenze in chiave europea (potenziamento dell’apprendimento delle lingue e delle materie scientifiche), le altre aree di riferimento dei progetti sono quelle del benessere digitale, della promozione della solidarietà intergenerazionale e del potenziamento delle conoscenze artistiche e culturali.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?