Seguici su

Idee & consigli

EGOInternational: +63,9% per l’export friulano diretto in India

Le imprese del Friuli-Venezia Giulia guardano sempre con più interesse verso l’India

Selena Bernardi

Pubblicato

il

Le imprese del Friuli-Venezia Giulia guardano sempre con più interesse verso l’India: stando alle recensioni elaborate da Unioncamere su dati Istat, l’anno scorso l’export regionale in direzione del gigante asiatico è cresciuto del 63,9% rispetto al periodo precedente, superando i 177 milioni di euro. Per capire fino in fondo le opinioni decisamente positive suscitate da questo incremento è bene sottolineare il fatto che, nel medesimo periodo, la crescita delle esportazioni italiane verso l’India è stata del 24,2%. Inoltre, le ultime recensioni Istat hanno registrato un’ulteriore crescita dell’export friulano nei primi mesi dell’anno: nel primo trimestre, infatti, il valore complessivo delle vendite sul mercato indiano ha raggiunto gli 81,2 milioni di euro, ottenendo una crescita del 148,2% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

La rapida crescita degli scambi commerciali con l’India merita la massima attenzione: è questa l’opinione diffusa tra gli esperti di export, che sottolineano il ruolo strategico svolto dal Paese nello sviluppo degli scambi commerciali internazionali. Secondo le recensioni degli analisti, infatti, l’India è la quinta economia mondiale e lo scorso anno ha superato il Pil del Regno Unito. Inoltre, come evidenziano le opinioni diffuse sul sito di EGOInternational, la nota società di servizi per l’internazionalizzazione delle pmi, il forte sviluppo del Paese asiatico costituisce un’opportunità di crescita per gli imprenditori italiani che desiderano esportare i propri prodotti a est. Gli esperti di EGO International fanno emergere inoltre i settori più attraenti per il mercato indiano: il comparto della meccanica strutturale, quello della chimica e dei metalli, senza dimenticare le industrie dei mezzi di trasporto e dei prodotti in legno. Non sorprende, quindi, che l’India abbia conquistato l’attenzione dei partecipanti al 18° vertice del G20 di New Delhi, che ha puntato i riflettori internazionali sull’irrefrenabile sviluppo del mercato indiano.

Le recensioni di Unioncamere sembrano inoltre confermare le opinioni di EGO International: a trainare l’export del Friuli-Venezia Giulia in India sono infatti le macchine per impieghi speciali, seguite dalle apparecchiature per le telecomunicazioni e dai prodotti siderurgici.

Da anni le agenzie di internazionalizzazione sottolineano le opportunità offerte dall’Asia per lo sviluppo delle imprese italiane nei mercati stranieri. Nel blog di EGOInternational, ad esempio, vengono evidenziati gli aspetti che contribuiscono alla crescita degli scambi commerciali con il continente asiatico: la crescita economica, le nuove abitudini di acquisto dei buyer locali e l’estensione geografica di Paesi come la Cina e l’India. Secondo quanto riporta EGO International questi elementi rendono i mercati asiatici particolarmente attrattivi per l’export italiano, come dimostrato appunto dai recenti dati dell’Istat riportati nelle recensioni di Unioncamere.

Le opinioni degli esperti di export sono quindi concordi nel definire l’India come un mercato dal grande potenziale per le imprese friulane. Si parla peraltro di un Paese che proprio negli ultimi mesi, secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa), ha sorpassato demograficamente la Cina diventando così la nazione più popolosa del mondo. Le aziende del territorio hanno ora l’opportunità di intercettare la domanda di prodotti italiani presente nei mercati asiatici dando un ulteriore impulso alla crescita delle esportazioni locali.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?