Seguici su

Idee & consigli

Green city: la strategia parte dal Friuli-Venezia Giulia

La Regione del Friuli-Venezia Giulia diventa la prima regione italiana a dotarsi di una strategia per le green city per lo sviluppo sostenibile urbano

Selena Bernardi

Pubblicato

il

Una visione strategica per le città green parte dalla regione del Friuli-Venezia Giulia, la quale diventa la prima regione italiana a dotarsi di una strategia per le green city per lo sviluppo sostenibile urbano; questo documento è stato elaborato dal Green City Network in collaborazione con la regione FVG e promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.

La strategia si focalizza su tre ambiti chiave, ritenuti fondamentali per il concetto di città verde: la qualità ambientale delle aree urbane, l’efficienza e la circolarità delle risorse, e l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Dettagli e obiettivi del documento

L’obiettivo è migliorare la sostenibilità delle città, potenziare l’ecologia urbana, il benessere dei cittadini, l’inclusione e stimolare lo sviluppo locale e l’occupazione. Questa strategia, concepita come un modello che potrebbe essere adottato anche da altre regioni per rafforzare il loro approccio delle città verdi, esamina le attuali iniziative e problematiche regionali, fornendo indicazioni sulle azioni da intraprendere. Le 12 linee guida all’interno dei tre obiettivi prioritari riguardano la qualità ambientale, la qualità urbana e architettonica, il verde urbano, la qualità dell’aria e la mobilità sostenibile. Per l’efficiente e circolare utilizzo delle risorse, vengono considerate la rigenerazione urbana, la tutela del suolo, il recupero, il riuso e la manutenzione delle strutture edilizie esistenti, il trattamento dei rifiuti e l’economia circolare, oltre alla gestione delle risorse idriche. Per quanto riguarda il cambiamento climatico, la strategia comprende l’abbattimento delle emissioni di gas serra, la riduzione del consumo di energia, l’impiego di fonti energetiche rinnovabili e le misure di adattamento ai cambiamenti climatici.

L’impegno del singolo cittadino

Anche il singolo cittadino ha un ruolo cruciale nella promozione delle città green e dello sviluppo urbano sostenibile nel Friuli-Venezia Giulia. Questo può essere raggiunto attraverso azioni quotidiane come il risparmio energetico, l’uso di mezzi di trasporto sostenibili, il riciclo e la riduzione dei rifiuti, la conservazione dell’acqua e, soprattutto, l’utilizzo di energie rinnovabili nella propria abitazione. Qualora non si abbia la possibilità di installare nella propria casa dispositivi di energia rinnovabile, come i pannelli solari o un impianto eolico, è comunque consigliabile stipulare contratti di fornitura energetica con aziende che hanno a cuore l’ambiente e che reperiscono l’energia elettrica da fonti rinnovabili, come ad esempio VIVI energia. Inoltre, partecipando a iniziative locali, diffondendo la consapevolezza e sostenendo politiche e iniziative, ogni individuo può contribuire in modo significativo a rendere la propria città più ecologica e sostenibile. La partecipazione attiva e l’adozione di scelte consapevoli nei consumi sono fondamentali per sostenere gli sforzi della regione e creare un ambiente urbano più sostenibile.

Altre iniziative sostenibili del FVG

Oltre a questa, il Friuli-Venezia Giulia ha adottato anche una serie di strategie per promuovere l’uso delle energie rinnovabili e la sostenibilità ambientale. Queste strategie comprendono incentivi finanziari, quali sussidi e agevolazioni fiscali, rivolti sia ai cittadini che alle imprese, al fine di incoraggiare gli investimenti in progetti legati alle energie rinnovabili. La regione ha anche promosso programmi di sostegno e finanziamento per progetti di energia solare, eolica e biomasse, stimolando la costruzione di impianti dedicati. Inoltre, ha posto una particolare enfasi sull’efficienza energetica, promuovendo la riqualificazione edilizia e l’adozione di tecnologie più efficienti.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?