Seguici su

Eventi & Cultura

La Ceghedaccio Symphony Orchestra fa ballare il Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Sold out per l’orchestra diretta dal Maestro Denis Monte che ha raccolto applausi a scena aperta sulle note delle più famose hit anni ’70 e ’80

Avatar

Pubblicato

il

UDINE – Hanno provato a resistere seduti sulle sedie fino all’ultimo. Eppure l’energia e la voglia di ballare è stata talmente tanta che già a metà concerto c’era più di qualcuno che, alzatosi dalla poltrona, ha danzato sulle note delle più famose hit anni ’70 e ’80. Travolgente. È questo l’aggettivo che meglio descrive la serata di ieri, 9 dicembre, quando in un Teatro Nuovo Giovanni da Udine letteralmente gremito è andato in scena il ritorno della Ceghedaccio Symphony Orchestra, il progetto voluto da Renato e Carlo Pontoni che così hanno nuovamente trasportato in teatro l’atmosfera del Ceghedaccio.
Impeccabile la bacchetta del maestro Denis Monte che ha guidato l’affiatata compagine formata da più di trenta elementi proponendo delle versioni completamente riarrangiate di brani intramontabili, da Gloria Gaynor agli Abba, dai Queen agli Spandau Ballet passando per la Febbre del sabato fino a Stevie Wonder. Un viaggio che ha catturato il pubblico catapultato dalla discomusic al soul, dal rock al pop.
Strabilianti, come sempre, gli effetti speciali che hanno accompagnato il concerto, dalle luci alla grande mirror ball appesa sopra l’orchestra, dalle fontane di luci sul palco alle decine di palloni colorati, lanciati in platea e fatti sobbalzare di mano in mano dal pubblico al ritmo delle canzoni.

Applausi a scena aperta, poi, per i front vocalist di “Let the music play”, questo il titolo della serata. Ad alternarsi sul palco, da soli o insieme o accompagnati dal coro, c’erano infatti Ginga, al secolo Claudia Scapolo, cantante nata in Luanda e cresciuta in Italia con il dono di una voce potente e con una straordinaria energia interpretativa capace di infiammare il pubblico. Al suo fianco anche Gianluca Amore, cantante e cantautore padovano, definito dalla stampa di settore “una delle più belle voci soul del nuovo panorama musicale italiano”. A chiudere il cerchio Stevie Biondi, all’anagrafe Stefano Fabio Ranno, fratello di Mario Biondi, con il quale è spesso salito sullo stesso palco come corista o per registrare insieme degli album.
«Non possiamo che ringraziare, ancora una volta, tutto il nostro caloroso pubblico che ha riempito il teatro ieri sera e che ci accompagna ormai da anni – commentano Renato e Carlo Pontoni -. Siamo orgogliosi ed emozionati di aver fatto nascere e visto crescere questo evento unico in Italia nel suo genere. Un appuntamento adatto a tutti e che abbiamo voluto riproporre come regalo al nostro affezionato pubblico non solo per le festività natalizie, ma anche per i 30 anni dalla nascita del Ceghedaccio, la grande festa da ballo più longeva e famosa del nord Italia».

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

In primo piano