Seguici su

Gorizia

Fine Anno, Fedriga: “Nel 2024 ancora più risorse per portare avanti nuovi progetti”

Il governatore ha evidenziato, tra gli altri, gli interventi su famiglia, salute, GO!2025 e ambiente     

Avatar

Pubblicato

il

FVG – “Guardiamo al 2024 partendo dalla legge di Stabilità più corposa della storia di questa regione, che ha incrementato le risorse per tutti i settori (641 milioni in più rispetto al 2023), consapevoli delle sfide importanti che ci attendono per dare ai cittadini del Friuli Venezia Giulia garanzie di crescita, sicurezza e qualità dei servizi erogati”.   Lo ha detto oggi a Trieste il governatore Massimiliano Fedriga nel corso della Conferenza stampa di fine anno.
Facendo una panoramica su quella che sarà l’azione futura dell’Amministrazione regionale, il massimo esponente della Giunta ha iniziato affrontando il tema della Salute, sottolineando come l’aumento delle poste a bilancio (+284 mln) non basti a risolvere tutte le criticità, gran parte delle quali dipendenti da competenze statali. “Avremo il coraggio – ha detto – di assumere delle scelte necessarie, assieme ai professionisti del settore, a fronte di una società profondamente mutata rispetto al passato, con molti meno figli e più anziani, e quindi cronicità da dover curare e gestire. Proseguirà una riforma che non prevede alcun taglio, ma un’organizzazione migliore per dare risposte più rapide ai cittadini”. Sempre sul tema il governatore ha esposto il rischio presentato dalle strumentalizzazioni politiche che, se attuate, non aiuterebbero un confronto costruttivo.

Relativamente alla cultura Fedriga ha messo l’accento su GO!2025 e in particolare sul fondo specifico collegato al programma che prevedrà grandi eventi “attrattivi e popolari” come concerti e mostre per intercettare fasce di pubblico da poi avvicinare alla manifestazione della Capitale della cultura. Per lo sport l’attenzione sarà centrata sulla Coppa del mondo dello sci paralimpico che si terrà in regione.
Parlando di Attività produttive, il governatore ha rimarcato il più 42 per cento di risorse previsto sul comparto, che andrà a rafforzare le linee contributive e quelle per il credito alle imprese. Nello specifico è stato ricordato l’intervento per l’Aussa Corno, con il potenziamento la presenza industriale sostenibile mettendo in campo delle misure di mitigazione per valorizzare le attività presenti.
“Nel 2024 partiranno i cantieri di Porto Vecchio della nuova sede della Regione”, ha affermato Fedriga intervenendo sul Patrimonio, mentre in merito alle Autonomie locali, sempre il 2024, “lo voglio dedicare alla rinascita delle province, perché la loro repentina abolizione all’epoca generò dei problemi tagliando servizi ai cittadini, vedi ad esempio lo sfalcio delle strade”. Fedriga ha voluto evidenziare come, su questo tema, il percorso dell’Amministrazione sia stato fatto con responsabilità, a tappe, prima costituendo gli Enti di decentramento regionale, con il relativo personale, e adesso con la legge di riforma dello Statuto. Sull’argomento il governatore ha rivolto un appello a deputati e senatori di accelerare l’iter di modifica costituzionale.

“La Regione Friuli Venezia Giulia è la prima regione d’Italia per le politiche sulla famiglia”: dicendolo Fedriga ha anticipato due nuovi strumenti che saranno introdotti per supportare le giovani coppie, con ulteriori vantaggi in caso di nascita di figli. Per quel che riguarda la difesa dell’ambiente Fedriga ha detto che proprio grazie al lavoro di prevenzione svolto in questi anni, “spesso in silenzio perché non fa notizia”, il territorio ha retto di fronte alle intemperie dovute al cambiamento climatico; sul fronte invece delle infrastrutture una sottolineatura è stata fatta sui 538 milioni in più nel triennio 24-26 e sul piano delle ciclabili, che ha permesso di realizzare una rete di piste collegate a vantaggio del turismo e della qualità della vita.
Infine, dopo aver ricordato come anche nelle risorse agroalimentari vale il discorso dei tanti interventi che hanno consentito al settore di essere performante nonostante i disagi dovuti agli eventi climatici e che grazie alle risorse “tale sarà l’impegno della Regione anche in futuro”, sul tema dei fondi europei Fedriga ha voluto rimarcare come l’Amministrazione del Friuli Venezia Giulia sia ai vertici nazionali per capacità e qualità di spesa “e nel 2024 – ha concluso – metteremo a disposizione degli altri territori la nostra esperienza”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

In primo piano