Seguici su

Innovazione

Porto Nogaro, inaugurati i lavori per l’impianto di cold ironing

Iniziati i lavori per l’elettrificazione della banchina Margreth di Porto Nogaro, includendo un impianto fotovoltaico con accumulo. Il progetto, del valore di 7,8 milioni di euro, ridurrà le emissioni di CO2 del porto del 29%. Fine lavori prevista per aprile 2026

Avatar

Pubblicato

il

L'assessore Amirante (quarta da destra) all'incontro con i soggetti coinvolti nell'intervento - Porto Nogaro, inaugurati i lavori per l'impianto di cold ironing
L'assessore Amirante (quarta da destra) all'incontro con i soggetti coinvolti nell'intervento

PORTO NOGARO – Ieri 18 giugno, presso Trieste, l’Assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio, Cristina Amirante, ha annunciato ufficialmente l’inizio dei lavori per la realizzazione dell’impianto di elettrificazione della banchina Margreth di Porto Nogaro. Questo progetto, che include anche un impianto fotovoltaico con sistema di accumulo, rappresenta un passo importante verso la sostenibilità e l’innovazione nel settore portuale della regione.

Un investimento significativo per il futuro del porto

Il progetto, del valore contrattuale di 5.258.137,77 euro, fa parte di un più ampio investimento complessivo di 7,8 milioni di euro. La realizzazione dell’opera è affidata a un raggruppamento temporaneo di imprese formato da Elettromeccanica Veneta srl (mandataria capogruppo) e Nobile Impianti srl (mandante).

Avanzamento anticipato rispetto al cronoprogramma

Durante l’incontro con i rappresentanti delle imprese appaltatrici, del Terminal Porto Nogaro (Tpn) e del Consorzio di sviluppo economico del Friuli (Cosef), l’assessore Amirante ha evidenziato come l’iter realizzativo stia procedendo con anticipo rispetto al cronoprogramma del Piano nazionale complementare al Pnrr (Pnc). Questo è un segnale positivo per il futuro sviluppo del porto, sottolineando l’importanza strategica della sua posizione geografica.

Caratteristiche tecniche dell’intervento e riduzione delle emissioni

Il nuovo sistema di “cold ironing” permetterà l’alimentazione contemporanea di quattro navi cargo attraccate in banchina. Saranno installate due cabine di distribuzione, sei punti di connessione in banchina e un sistema shore to ship su carrello mobile. Il tutto sarà supportato da un impianto fotovoltaico di 1,31 MWp, che garantirà energia anche durante le ore notturne grazie al sistema di accumulo.

L’implementazione di questo progetto è destinata a ridurre le emissioni di CO2 del porto di circa il 29% rispetto ai dati del 2019. Questo risultato sarà possibile grazie all‘uso di energie rinnovabili e all’ottimizzazione dell’efficienza energetica complessiva del porto.

Conclusione dei lavori prevista per aprile 2026

Le imprese incaricate avranno a disposizione 660 giorni per completare i lavori, con una data di fine prevista per aprile 2026. Questo progetto non solo modernizzerà le infrastrutture del porto, ma contribuirà anche a posizionare Porto Nogaro come un esempio di sostenibilità e innovazione nel settore portuale.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità