Seguici su

Cronaca & Attualità

Iniziano le operazioni di sgombero del Silos di via Flavio Gioia a Trieste

In corso lo sgombero del Silos di via Flavio Gioia, con un’ampia operazione coordinata dalle autorità locali e supportata dalle forze dell’ordine

Avatar

Pubblicato

il

Polizia di Stato presente al Silos
Uomini e mezzi della Polizia di stato (© poliziadistato.it)

TRIESTE – Nella mattina di oggi, sono iniziate le operazioni di sgombero del Silos di via Flavio Gioia, confermando le voci che circolavano da tempo senza conferme ufficiali da parte della Prefettura nei giorni precedenti.

Mobilitazione delle forze dell’ordine e delle autorità

Sul posto è presente un imponente schieramento delle forze dell’ordine, compreso il reparto celere di Padova della Polizia di Stato, la Polfer, la Polizia Locale, la Guardia di Finanza, la Protezione Civile e il personale di Coop Alleanza 3.0, proprietaria della struttura. Gli interventi sono supportati da gazebo montati sul retro della struttura, verso Barcola, per facilitare le operazioni.

Situazione dei migranti e operazioni di accoglienza

Circa una sessantina di migranti, secondo le stime della Questura, erano ancora accampati all’interno del Silos. Ora, il personale di Asugi sta procedendo con le visite nel triage esterno, dove verranno effettuate le necessarie visite mediche. Per coloro che non dispongono ancora del permesso di soggiorno o non hanno fatto richiesta di asilo, saranno avviate le pratiche di identificazione presso la Questura. Chi invece è già in possesso della documentazione necessaria sarà trasferito nelle strutture di accoglienza, prevalentemente fuori regione.

Numeri e profili dei migranti coinvolti

Il numero di persone coinvolte continua a crescere, con oltre 100 individui al momento delle ultime stime (ore 9:30). La maggior parte di loro ha già avviato le pratiche per l’asilo, mentre un gruppo più piccolo, circa 18 persone, si trova senza documenti ma ha manifestato l’intenzione di richiedere protezione internazionale.

Esecuzione dell’ordinanza del sindaco

Le operazioni sono in corso in seguito all’ordinanza emessa giorni fa dal sindaco Dipiazza, la quale prevede, al termine dello sgombero, la chiusura definitiva dell’edificio. La struttura tornerà così totalmente sotto il controllo e la gestione di Coop Alleanza 3.0, che ha l’onere di mantenere l’area libera attraverso l’installazione di recinzioni e, se necessario, con il supporto di guardie giurate, come specificato nell’ordinanza stessa.

Prospettive future

Il destino del Silos di via Flavio Gioia sembra essere ora segnato, con la sua futura destinazione che verrà delineata dalle decisioni della proprietà. Nel frattempo, le autorità continuano a monitorare la situazione sul campo per garantire che l’operazione di sgombero avvenga nel rispetto delle normative vigenti e nel migliore interesse di tutti i soggetti coinvolti.

In conclusione, mentre la città si prepara ad assistere al completamento delle operazioni, resta aperta la discussione sulla gestione delle emergenze abitative e sulle politiche di accoglienza dei migranti, tematiche sempre più cruciali in un contesto sociale e politico complesso come quello attuale.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità