Seguici su

Cronaca & Attualità

Fedriga: «Una società che non fa figli è destinata a morire»

Il governatore Fedriga apre la Settimana Sociale dei Cattolici a Trieste, affrontando temi cruciali su diritti umani e denatalità

Avatar

Pubblicato

il

L'intervento del governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga
L'intervento del governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga

TRIESTE – La 50esima edizione della Settimana Sociale dei Cattolici è stata inaugurata a Trieste con un discorso incisivo del governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che ha affrontato temi cruciali come i diritti umani, la dignità della persona e la denatalità. L’evento, che si terrà fino al 7 luglio, è stato aperto con una lezione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, presso il Centro Congressi di Porto Vecchio.

La persona al centro dei diritti

Nel suo intervento, Fedriga ha sottolineato che “prima di qualsiasi cosa viene la persona, con la propria dignità e diritti”. Ha sollevato una riflessione profonda sui diritti umani, chiedendosi quando inizia la vita e a quale momento una vita può essere considerata titolare di diritti. “Altrimenti rischiamo di escludere chi non può parlare e non può rivendicare i propri diritti”, ha affermato, ponendo l’accento sulla necessità di includere anche i più deboli nel dibattito sui diritti.

La sfida della denatalità

Uno dei punti focali del discorso di Fedriga è stato il tema della denatalità. Ha avvertito che una società che non fa figli è destinata a morire. Questo è particolarmente rilevante per i Paesi occidentali, dove i tassi di natalità sono in calo. Il governatore ha evidenziato che, sebbene l’investimento di risorse e il supporto economico siano importanti, non sono sufficienti. Ha chiamato a un impegno collettivo per affrontare questa sfida, altrimenti rischiamo che le soluzioni rimangano solo sulla carta.

Il ruolo cruciale della famiglia

Fedriga ha poi sottolineato l’importanza della famiglia nel preservare i modelli di democrazia occidentale. Ha affermato che la famiglia, insieme a scuola, energia, transizione ecologica, agricoltura sostenibile, mondo giovanile e progetti di vita, è determinante per il futuro delle nostre società. “I temi della natalità e della famiglia sono infatti fondamentali”, ha detto, aggiungendo che investire nelle generazioni future è un imperativo da cui non possiamo sottrarci.

L’impegno per le generazioni future

Un altro aspetto rilevante del discorso è stato l’invito a investire sul capitale umano. Fedriga ha affermato che le risposte concrete alla denatalità e ad altre sfide sociali possono arrivare solo con un impegno collettivo. Ha esortato a non limitarsi alla propaganda, ma a mettere in atto azioni concrete per sostenere le generazioni future. “Investire sulle generazioni future e sul capitale umano è un imperativo a cui non possiamo sottrarci”, ha dichiarato.

La settimana sociale come piattaforma di dialogo

La Settimana Sociale dei Cattolici, giunta alla sua 50esima edizione, rappresenta una piattaforma di dialogo su temi cruciali per la società italiana e non solo. L’evento offre l’opportunità di discutere e riflettere su questioni che vanno oltre i confini religiosi, toccando aspetti fondamentali della vita civile e politica. Con l’intervento di personalità di rilievo come il Presidente della Repubblica e il governatore Fedriga, la Settimana Sociale si conferma un appuntamento di grande importanza per il dibattito pubblico.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità