Seguici su

Cronaca

Nuova scuola in via Aspromonte, per Fedriga «è un modello a livello nazionale»

Il costo complessivo è stato di circa 7 milioni di euro: ai fondi regionali si sono poi aggiunti fondi ministeriali

Pubblicato

il

UDINE – “Una scuola realizzata in tempi record, con procedure e autorizzazioni agevolate che hanno consentito alla pubblica amministrazione di essere messa nelle condizioni di accelerare le procedure e costruire in tempi davvero velocissimi. L’istituto inoltre è a consumo energetico zero in quanto sfrutta le più moderne evoluzioni dell’edilizia, delle energie rinnovabili e della domotica. E questo è un elemento fondamentale, in particolare per il sistema pubblico rispetto agli obiettivi che ci siamo dati per l’abbattimento delle emissioni, visti i tempi di crisi energetica che stiamo attraversando. Da sottolineare poi la funzione di scuola “polmone” che darà la possibilità di spostare gli studenti senza disagi quando le diverse scuole di Udine dovranno via via essere sottoposte ai lavori. Una struttura di altissimo livello: un esempio virtuoso del Friuli Venezia Giulia che farà “scuola” a livello nazionale”. È quanto dichiarato dal governatore del Friuli Venezia Giulia
Massimiliano Fedriga intervenuto questa mattina all’inaugurazione della “scuola polmone” nell’area del centro studi di Udine. Si tratta della struttura scolastica più moderna della regione costruita con materiali innovativi e con l’impiego di molto legno. È dotata delle tecnologie più avanzate sia rispetto alla riduzione dei consumi energetici (completamente alimentata da energie rinnovabili) che rispetto alla domotica che gestisce i sistemi di illuminazione, i serramenti e le veneziane. L’istituto è stato realizzato in meno di otto mesi.

Il costo complessivo è stato di circa 7 milioni di euro: ai fondi regionali si sono poi aggiunti fondi ministeriali. Può ospitare fino a settecento studenti. Attualmente accoglie gli studenti del liceo Marinelli di Udine dove si stanno realizzando importanti lavori di ristrutturazione. In futuro accoglierà gli studenti delle altre scuole che saranno sottoposte a lavori evitando così i disagi a ragazzi e famiglie.
“Questa è una scuola – ha aggiunto il governatore parlando davanti a una delegazione di studenti tra quelli entrati per primi nel nuovo istituto – che restituisce la necessaria socialità in un ambiente molto moderno e confortevole dopo il lungo e difficile periodo di pandemia. Mi sento di ringraziare davvero molto gli studenti – ha evidenziato il massimo esponente della Giunta regionale – perché nei momenti più complicati della pandemia hanno dimostrato molta collaborazione e responsabilità. Comportamenti che ci hanno consentito di gestire quei difficili momenti che abbiamo alle spalle”.
“Una struttura davvero all’avanguardia – ha sottolineato l’assessore alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti, presente all’inaugurazione alla quale hanno partecipato anche gli assessori alle Infrastrutture Graziano Pizzimenti e alle Finanze Barbara Zilli – realizzata dall’Ente di decentramento regionale (Edr) che raccoglie l’eredità pesante delle Uti con investimenti non fatti e opere pubbliche bloccate. In questo caso invece in tempi davvero rapidi siamo riusciti a individuare l’area, progettare e realizzare un’opera modello di questo tipo che oggi ospita settecento studenti già sui banchi. L’orgoglio, dunque, non è soltanto per l’opera in sé ma per come una squadra sia riuscita a portarla a termine in così poco tempo”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?