Seguici su

Cronaca

Ritardi nella consegna dei vaccini Covid: le rassicurazioni della Regione

Riccardi replica alle critiche sollevate in queste ore dalle forze consiliari di minoranza e da una parte dei sindacati

Pubblicato

il

FVG – “Il ritardo nella consegna dei vaccini determinerà la riprogrammazione al 3 gennaio prossimo della somministrazione delle dosi alle persone che si erano messe in lista per la giornata di mercoledì”. Lo comunicano il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. “Ne deriva quindi – concludono Fedriga e Riccardi – che la campagna vaccinale anti-Covid prenderà il via, in Friuli Venezia Giulia, giovedì 31 dicembre e che il ritardo non avrà conseguenze sulle prenotazioni effettuate per le date successive al 30 dicembre”.

Riccardi replica alle critiche sollevate in queste ore dalle forze consiliari di minoranza e da una parte dei sindacati sulla gestione della campagna vaccinale in Friuli Venezia Giulia. “È il Governo che stabilisce le priorità nei vaccini ed è sempre il Governo che non ha ancora chiarito non solo a noi, ma anche a tutta la nazione, quando arriverà per il resto della popolazione il turno per sottoporsi all’immunizzazione. All’opposizione e ad una parte dei sindacati che in questo momento alzano la voce su questi temi basterebbe dire di rivolgersi a Roma dove hanno un filo diretto con chi governa. Invece in un momento di emergenza credo sia opportuno solamente lavorare per risolvere i problemi della gente”.
Così il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi controbatte alle critiche sollevate in queste ore dalle forze consiliari di minoranza e da una parte dei sindacati sulla gestione della campagna vaccinale in Friuli Venezia Giulia.

“Le rappresentanze dei medici – chiarisce Riccardi – lamentano la metodologia indicata per la prenotazione del vaccino. Su quest’ultimo tema il direttore di Arcs ha esaustivamente spiegato che esistono vari canali per consentire alle categorie prioritarie di fissare la data per l’inoculazione della dose vaccinale. A testimoniare che spesso le lamentele non sono suffragate da dati concreti è il fatto che nella giornata di ieri, in poche ore, sono state quasi 1700 le richieste di prenotazione”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?