Seguici su

Cronaca

Reputazione turistica del Fvg: Iacop smentisce l’assessore

Il consigliere dem: “Siamo distanti anni luce dalla testa della classifica e questo rappresenta un pesante segno negativo”

Pubblicato

il

FVG – “La situazione del comparto turistico del Fvg è nettamente sotto la media nazionale. Nonostante ciò l’assessore Bini tenta di “vendere” con toni entusiastici una situazione ben differente, considerando positivamente il passaggio dalla penultima posizione dello scorso anno alla dodicesima di quest’anno nel rating stilato Regional Tourism Reputation Index. Decisamente un brutto segnale di una politica che mira ad accontentarsi di risultati che non premiano l’impegno di tutti gli operatori del comparto”.
Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale Franco Iacop (Pd) commentando le dichiarazioni dell’assessore al Turismo, Sergio Emidio Bini in merito alla classifica della reputazione turistica della Regione Fvg.

“Già lo scorso anno avevamo lanciato un allarme nel constatare che, con la gestione attuale delle politiche turistiche, eravamo finiti come fanalini di coda fra le regioni italiane come reputazione. Come abbiamo più volte dimostrato non si trattava di mere speculazioni, ma di segnalazioni costruttive che partivano da dati oggettivi e inconfutabili, ovvero essere passati dalle migliori posizione in coda alla classifica”, sottolinea ancora Iacop. “Oggi viene fatta passare per un successo – continua il consigliere – la crescita di sette posizioni, ma la realtà è che la nostra reputazione turistica è ancora in zona retrocessione. Siamo distanti anni luce dalla testa della classifica e questo rappresenta un pesante segno negativo verso un comparto turistico che avrebbe tutte le carte in regola per essere in vetta, proprio per la sua unicità e per la professionalità sottesa”.

Infine, conclude Iacop, “lo straordinario lavoro della precedente Giunta in politiche turistiche non è stato portato avanti da questo assessorato che in pochi anni ha disperso molta della credibilità acquisita. Invitiamo l’assessore Bini a lavorare per riportare la nostra credibilità dove merita di essere collocata, ovvero ai primi posti”.