Seguici su

Eventi & Cultura

Il Piccolo Festival dell’Animazione, al Visionario

Pubblicato

il

UDINE – Per chiudere con stile l’anno vecchio e proiettarci con “visionaria” fantasia verso il 2022, torna al Visionario giovedì 30 dicembre alle 20 Il Piccolo Festival dell’Animazione. Sullo schermo arrivano i cortometraggi italiani e i vincitori della Main Competition, delle Opere prime e della sezione Green Animation. Cortometraggi animati dalla natura poetica che come sempre ci sorprendono e ci regalano grandi emozioni e che rappresentano il meglio della produzione d’autore europea e non solo.

Tra i film in programma il bellissimo Hide di Benjamin Gray, A Film About a Pudding di Roel Van Beek e Orgiastic Hyper Plastic di Paul Bush, tutti e tre incentrati su attualissime tematiche ambientali. Molti i film italiani tra i quali Dreamland di Gianluigi Toccafondo, con uno sfondo romano e una citazione di Pier Paolo Pasolini; l’ultimo lavoro di Beatrice Pucci, Dove il sasso cadrà; Metterò la zizzania nelle vostre case di Marco Capellacci con Michele Bernardi.

Spazio anche agli autori del nostro territorio, tra cui ricordiamo Federica Pagnucco con Cappuccetto senza paura, Raffaello De Pol e Giulio Federico con Il Flauto Magico e Alessandra Quaroni, una delle autrici di Lucerna prodotto dal centro Sperimentale di Cinematografia di Torino. E Alessandra Quaroni, una dell’autrici di quest’ultimo titolo, sarà presente al Visionario per presentare il suo lavoro. Si segnala inoltre il premio dato dagli studenti della sezione Animayoung a Mulm di Ratajczak e Trebeljahr.

La serata è organizzata da Vivacomix in collaborazione con il Centro Espressioni Cinematografiche mentre la selezione è curata da Paola Bristot, art director del festival. Per la programmazione completa e sempre aggiornata e per l’acquisto dei biglietti consultare il sito www.visionario.movie. Ricordiamo che per accedere al cinema è necessario mostrare il Super Green Pass, la certificazione verde Covid-19. Per la visione dei film è obbligatoria la mascherina ffp2.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?