Seguici su

Cronaca & Attualità

Scuola al collasso. Moretuzzo: «Non si è fatto quasi nulla per prevenire le criticità»

Tra i problemi irrisolti, il nodo dei trasporti, gli edifici scolastici vetusti che non permettono di rimodulare gli spazi interni anche in risposta all’emergenza Covid, il deficit di digitalizzazione

Avatar

Pubblicato

il

FVG – «La scuola possa tornare a essere scuola e a fare scuola nelle migliori condizioni possibili. È l’appello, accorato, che arriva dal Coordinamento dei presidenti di Consigli di istituto del Friuli-Venezia Giulia e di cui condividiamo tutte le preoccupazioni». Così il capogruppo del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo, commenta i contenuti della lettera aperta del Coordinamento al presidente della Regione Massimiliano Fedriga e agli assessori a Salute e Istruzione Riccardo Riccardi e Alessia Rosolen, che racconta quanto le scuole di ogni ordine e grado, in tutta la regione, come nel resto d’Italia, stanno affrontando quotidianamente. Un mondo che è al collasso, sotto il peso «assurdo, incomprensibile e oltremodo gravoso», denunciano i rappresentanti dei Consigli di istituto, delle incombenze burocratiche legate alla gestione della pandemia, con famiglie e dirigenti scolastici esasperati da una situazione totalmente fuori controllo, i cui effetti negativi ricadono principalmente su bambini e ragazzi.

«È gravissimo che a due anni dall’inizio della pandemia non siano state messe in campo azioni efficaci per prevenire le criticità attuali – afferma Moretuzzo –. E davvero troppe sono le problematiche irrisolte: dal nodo dei trasporti agli edifici scolastici vetusti che non permettono di rimodulare gli spazi interni anche in risposta all’emergenza Covid, al deficit di digitalizzazione. Tema centrale e attualissimo, quest’ultimo, sul quale avevamo presentato per tempo – oltre un anno fa – proposte concrete. In un ordine del giorno chiedevamo alla Giunta regionale di attivarsi per porre in essere un sistema di monitoraggio, rilevazione e condivisione dei dati relativi all’andamento dei contagi da coronavirus in tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, basandosi sul rilevamento degli open data in modo da limitare gli interventi restrittivi di competenza regionale, laddove possibile, allo stretto necessario. L’attivazione di piattaforme da gestire a livello regionale implica responsabilità e gestione dell’efficienza, sgravando nel contempo i dirigenti scolastici da compiti che non competono loro – continua Moretuzzo –. Nel contempo, chiedevamo di promuovere azioni per lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti e della comunità professionale (le cui lacune sono state evidenziate dall’introduzione della didattica a distanza), oggetto di una nostra specifica mozione che impegnava la Giunta regionale a fornire, tra gli altri, una piattaforma di e-learning e un sistema di web conference per tutti gli istituti scolastici, un account di posta elettronica regionale per tutti gli studenti e materiale formativo inerente l’utilizzo di tali strumentazioni, a elaborare linee guida e strumenti che permettano di raggiungere una piena e compiuta cittadinanza digitale. Richieste inascoltate», evidenzia Moretuzzo, che sollecita le istituzioni ad «affrontare quanto prima i problemi strutturali ed endemici della scuola, messi in risalto ancora più chiaramente dalla pandemia stessa. I nostri ragazzi rappresentano il futuro di questa regione, non possiamo più perdere altro tempo».

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità