Seguici su

Cronaca

Morte del direttore Monestier: il cordoglio della politica e del mondo dell’economia

Fedriga: “”Profondo dolore per la scomparsa di un uomo di carattere, di profonda intelligenza e di grande correttezza, umana e professionale”

Pubblicato

il

FVG – Tantissimi i messaggi di cordoglio inviati dal mondo politico sia locale che nazionale. Tra tutti il ricordo del governatore Fvg, Massimiliano Fedriga: “Profondo dolore per la scomparsa di un uomo di carattere, di profonda intelligenza e di grande correttezza, umana e professionale, che nella propria carriera di giornalista ha dimostrato di essere un grande direttore per le testate da lui guidate, a partire dal Messaggero Veneto e da Il Piccolo”. Fedriga ha sottolineato “la grande professionalità che ha sempre contraddistinto il giornalista e rimarcato la sua capacità di dare una chiara impronta editoriale alle testate da lui dirette, avvicinando le redazioni al territorio e promuovendo un giornalismo serio e tempestivo, ma sempre basato sulla verifica dei fatti e la ricerca della verità”. Il governatore ha evidenziato quanto Monestier “abbia saputo comprendere e trasmettere, attraverso il proprio lavoro, un territorio complesso come il nostro e abbia sempre lavorato per valorizzarlo, rivelandosi un attento e sempre originale interprete dalla realtà regionale. Il Friuli Venezia Giulia oggi perde un uomo di valore e un giornalista di razza”.
Hanno voluto ricordarlo anche il consigliere regionale Furio Honsell, che esprime “profondo cordoglio” e “vicinanza alla sua famiglia e ai suoi colleghi” e ricordando l’impegno “a riaffermare i valori democratici”. Il Gruppo del M5S in Consiglio Fvg sottolinea il “profondo vuoto nel mondo dell’informazione del Fvg” mentre il Gruppo Forza Italia prova “profondo dolore: se ne è andato un giornalista colto, preparato e attento alle evoluzioni politiche ed economiche”. Il Gruppo Pd appresa “con profondo dispiacere la brutta notizia” della scomparsa di un giornalista dalla “elegante schiettezza” ne ricorda la figura di “punto di riferimento”. Per i Cittadini, “il Fvg perde un giornalista che guardava la realta’ con coraggio”.
La sindaca di Monfalcone, Anna Maria Cisint, segnala che il Fvg “perde un grande direttore, persona di cultura, legato profondamente alla terra friulana e a quella giuliana”. Tanti anche gli esponenti nazionali che hanno inviato messaggi di cordoglio: da Ettore Rosato (Italia Viva) che sottolinea il “grande professionista, fine e acuto osservatore della realtà regionale a cui si è sempre dedicato con serietà e passione”, all’ europarlamentare e coordinatore regionale Lega Fvg Marco Dreosto per il quale il “FVG perde un illustre giornalista e uomo di valore”. Un “uomo retto e grande professionista per la coordinatrice di Forza Italia Fvg Sandra Savino; e poi la “costernazione” del parlamentare 5S Luca Sut: il dolore per “un lutto così duro e iniquo” da parte della deputata Pd Debora Serracchiani. Franco Dal Mas, parlamentare di Fi, sottolinea che il vuoto “amplifica un’assenza di umanità, di civiltà e garbata signorilità”. Per Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia, un “professionista serio, instancabile e un uomo perbene, che mancherà molto”.

Tanti gli attestati di cordoglio anche da parte della società e del mondo economico. Confartigianato Fvg per bocca del presidente, Graziano Tilatti, ricorda “l’uomo e il giornalista tosto, leale e capace”, “protagonista delle tante complessità che abbiamo dovuto affrontare in questi anni, non ultima la pandemia e tutte le ripercussioni che ha generato”. Il presidente della Camera di Commercio Pordenone-Udine e Confcommercio Fvg Giovanni Da Pozzo a nome delle due organizzazioni dice che la scomparsa “lascia dolorosamente senza parole”. Monestier “ha dimostrato sensibilità nel leggere, ascoltare e interpretare la nostra terra”. Antonio Paoletti, presidente della Camera di commercio Venezia Giulia, “senza parole”, sostiene che “il giornalismo ha perso una bella persona e un grande professionista”. Copagri Fvg, attraverso il presidente Valentino Targato, ricorda “l’esperto giornalista bellunese”, persona “molto attenta alle istanze dell’agricoltura, del quale vogliamo ricordare la grande serietà, nonché la competenza e la correttezza”.
Anche le università si sono unite al dolore. Il rettore di UniTs Roberto Di Lenarda sottolinea di Monestier “il non comune interesse rivolto ai temi dell’alta formazione, della ricerca e dell’innovazione”. Il rettore di UniUd, Roberto Pinton, con il direttore generale Massimo Di Silverio, ne esaltano le qualità di “grande professionista e mente brillante ed acuta, giornalista sempre attento al mondo universitario e molto interessato agli sviluppi nel campo dell’innovazione”.