Seguici su

Politica

Il centrosinistra ha scelto: sarà l’ex rettore De Toni a sfidare Fontanini

Per il segretario dem Live “con le forze unite la vittoria è a portata”

Pubblicato

il

UDINE – L’ex rettore dell’Università del Friuli, Alberto De Toni, sarà il candidato del centrosinistra nella sfida delle comunali del 2023 in ticket con il capogruppo del Pd in consiglio comunale Alessandro Venanzi, che sarà dunque candidato alla carica di vice sindaco. Il centrodestra, invece, ricandiderà il sindaco uscente Pietro Fontanini (Lega).

L’intesa è stata raggiunta nei giorni scorsi. De Toni sarà sostenuto anche dai riformisti del Terzo Polo e dagli autonomisti. “Sono ancora un candidato in pectore e la mia è una candidatura di scopo, che ha come obiettivo il rilancio della città”, ha detto De Toni. “Prima ci vorranno dei passaggi necessari e formali con le diverse forze – ha aggiunto – poi verrà il momento dell’ufficialità. Oggi c’è stato un significativo progresso per poter affrontare al meglio la sfida e vincere la città”.  Venanzi ha sottolineato di non aver fatto un passo indietro, “ma un passo avanti per il bene della città di Udine”.

“Accelerare i tempi e mettere in condizione Alberto Felice De Toni e Alessandro Venanzi di costruire una proposta di progetto alternativa e vincente. Con le forze unite la vittoria è a portata”. E’ il parere del segretario del Pd Fvg, Renzo Liva.  “Il Partito Democratico – ha aggiunto il segretario dem – è forza che costruisce, con le idee, con i programmi, con donne e uomini impegnati sul territorio. Alessandro Venanzi, in rappresentanza del Pd udinese, può contare su una conoscenza capillare del territorio, su una competenza acquisita sul campo, su un forte supporto di militanti e iscritti, a partire proprio dal Segretario regionale e da tutta la segreteria”. “Cominciamo a dare svolta – conclude Liva – a cinque anni di Fontanini a capo di un’amministrazione grigia e spenta”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?