Seguici su

Cronaca & Attualità

Arrestato un passeur in Austria: trasportava i clandestini al valico di Pramollo

Nel corso dei trasporti i migranti venivano sottoposti a condizioni disumane, chiusi nei van senza acqua e cibo

Avatar

Pubblicato

il

UDINE – I carabinieri del Ros, in collaborazione con il Comando provinciale carabinieri di Udine, per il tramite del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, hanno eseguito a Graz un mandato di arresto europeo emesso dal Gip del Tribunale di Udine, relativo all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal medesimo ufficio, nei confronti di un trentenne cittadino iracheno, residente in Germania, ritenuto responsabile del reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina lungo la “rotta balcanica”, consumato, in più occasioni, nel mese di giugno 2022 al valico alpino stradale italo-austriaco di Passo Pramollo.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Udine e iniziate a seguito di ripetuti e ravvicinati rintracci di migranti clandestini nell’area geografica interessata dal richiamato valico alpino, hanno portato alla luce un collaudato schema organizzativo, posto in essere in concorso con altri cittadini curdo-iracheni, attivi nel trasporto di migranti dalla Repubblica Slovacca all’Italia, attraverso l’Austria, al fine di trarne profitto economico. Nel corso dei trasporti i migranti venivano sottoposti a condizioni disumane, ovvero obbligandoli a rimanere occultati per lunghi viaggi, nonostante le alte temperature estive, all’interno del vano di carico di furgoni trasporto merci (in un’occasione addirittura più di 30), senza finestre e senza ricambio di aria, senza acqua e cibo.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità