Seguici su

Eventi & Cultura

Quattro treni storici tra maggio e giugno in Friuli Venezia Giulia

A bordo dei treni storici saranno disponibili materiali e attività di promozione e valorizzazione di un territorio

Avatar

Pubblicato

il

FVG – “Quattro treni storici saranno attivati in Friuli Venezia Giulia nell’arco del prossimo mese per arricchire la mobilità in chiave turistica e culturale”. Lo ha annunciato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Cristina Amirante al termine della Giunta. Una delibera apposita ha dato il via libera alla prima parte del programma di servizi con treni con materiale storico effettuato in convenzione con Fondazione FS. Nello specifico il 21 maggio è partito  il “Treno delle orchidee” da Trieste a Osoppo, con fermate a Monfalcone, Gorizia, Udine e Gemona, il 28 maggio sarà attivo il “Treno dei giardini” da Trieste a Sacile, con fermate a Monfalcone, Gorizia e Udine, mentre il 4 giugno sarà la volta del “Treno delle città Unesco” da Trieste a Cividale del Friuli, con fermate a Monfalcone, Cervignano, Palmanova, Aquileia e Udine e l’11 giugno del “Treno lungo la ciclovia FVG 3”, in partenza da Pordenone e arrivo a Maniago e fermate a Sacile, Budoia, Aviano e Montereale Valcellina.

“Il treno ‘delle orchidee’ e ‘della ciclovia FVG 3’ – ha osservato Amirante – si inseriscono sulla linea turistica strategica Sacile-Gemona la cui riapertura completa, in base a quanto confermato da Fondazione Fs, avverrà nel mese di agosto”. Dei quattro convogli storici, tre sono a trazione elettrica e solo il Pordenone-Maniago è alimentato a diesel.
“Grazie alla collaborazione con PromoTurismoFVG – ha concluso l’assessore – a bordo dei treni storici saranno disponibili materiali e attività di promozione e valorizzazione di un territorio che proprio grazie al trasporto su rotaia permette aia visitatori di scoprire lati storici e paesaggistici di grande interesse e talvolta meno noti del Friuli Venezia Giulia”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?