Seguici su

Cronaca & Attualità

Riserva naturale del lago di Cornino: in arrivo 6 nuovi grifoni

Per la prima volta l’evento si “sdoppia”, con due liberazioni, al mattino e nel pomeriggio. Fra gli ospiti anche il noto divulgatore scientifico Francesco Petretti

Avatar

Pubblicato

il

FORGARIA NEL FRIULI – Riconquisteranno la libertà, dopo essere stati curati e inanellati ai fini del monitoraggio scientifico: sabato 30 settembre ben 6 maestosi esemplari di grifone (il doppio rispetto al consueto) spiccheranno di nuovo il volo dalla Riserva naturale regionale del lago di Cornino in occasione della tradizionale e sempre partecipatissima manifestazione “Vivi e liberi di volare”, evento di punta della programmazione annuale della Riserva, le cui proposte hanno richiamato in questa stagione un pubblico molto folto. Insieme ai rapaci saranno reintrodotti in natura anche altri esemplari di fauna selvatica, una ventina,accolti e curati dai Centri di recupero di Udine e Pordenone. E una novità dell’edizione 2023 di “Vivi e liberi di volare” è lo sdoppiamento delle liberazioni: la prima è prevista per le 11, la seconda per il pomeriggio, verso le 16.

IL PROGRAMMA.  Lievemente posticipata nella data rispetto alla consuetudine e programmata (altro cambiamento) per la giornata di sabato anziché di domenica, la manifestazione offrirà una “scaletta” molto ricca, predisposta come sempre dalla Coop Pavees, che gestisce il sito protetto. L’evento si aprirà alle ore 10, con l’ufficiale benvenuto ai presenti; seguirà, alle 10.30, un intervento del direttore scientifico della Riserva di Cornino, Fulvio Genero, che ripercorrerà “Storia e conquiste del Progetto Grifone”. Alle 11 il momento clou, con la liberazione (alla presenza di autorità locali e regionali: atteso l’assessore FVG alle risorse agroalimentari e forestali Stefano Zannier) dei primi grifoni. Successivamente l’Associazione Astore FVG parlerà de “Gli uccelli nidificanti del Friuli Venezia Giulia”.
Intenso pure il programma scientifico del pomeriggio, che si aprirà alle ore 14 con il contributo di Enrico Albertini, direttore del Centro di riproduzione e conservazione Monticello (Lecco), il quale disserterà sulla “Riproduzione in ambiente controllato finalizzato a progetti di conservazione”; alle 14.30 il biologo, ornitologo e divulgatore scientifico Francesco Petretti (noto al grande pubblico per le sue numerose partecipazioni al programma Rai Geo) spiegherà come “Conservare la vita selvatica: una sfida per tutti”, mentre per le 15 è previsto un collegamento con Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva di Bussolengo (“L’importanza dei parchi zoologici nell’ambito degli EAZA per la conservazione delle specie a rischio estinzione”). Alle 15.30 operatori dei CRAS di Udine e Pordenone spiegheranno “L’importanza dei centri di recupero per il territorio del Friuli Venezia Giulia”: seguirà la liberazione di altri avvoltoi e di esemplari salvati e riabilitati nei due centri.

I COMMENTI. «Un evento ricco e articolato, grazie alla sempre più fitta rete di collaborazioni intrecciata dalla Riserva di Cornino  – dichiara il vicesindaco di Forgaria nel Friuli, Luigino Ingrassi, titolare della delega alla Riserva -, e contraddistinto, quest’anno, dalla novità della doppia liberazione degli esemplari da reintrodurre in natura, voluta per offrire a quante più persone possibile l’occasione di assaporare la magia di un momento sempre molto coinvolgente».
«Siamo giunti all’appuntamento più importante della stagione – commenta Luca Sicuro, presidente della Coop Pavees -: per noi questo momento rappresenta sempre un traguardo significativo, concludendo un anno di lavoro, di ricerca e di studio. “Vivi e liberi di volare” è un’occasione di condivisione con il pubblico, ma anche di confronto scientifico, considerata la presenza dei maggiori esperti e ricercatori a livello mondiale».

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

In primo piano