Seguici su

Gorizia

Manovra di bilancio, Pellegrino (Avs) chiede di creare una “bicipolitana”

Questa esperienza consente di immaginare anche per il Friuli Venezia Giulia una serie di progetti di ciclabili che connettono le città capoluoghi con i Comuni che le circondano e che sono strettamente interconnessi sulla mobilità

Avatar

Pubblicato

il

FVG – “È stata accettata dalla Giunta Fedriga e approvata dall’Aula, la mia proposta di progettare e realizzare una bicipolitana anche nella nostra regione. Bicipolitana è un efficace neologismo che ha ormai interessato moltissimi Comuni e che mutua il progetto della metropolitana dai binari alle due ruote. Bologna l’ha realizzata coinvolgendo ben 45 Comuni dell’area metropolitana. Altre realtà ne hanno fatto una bandiera, come Rimini, Bolzano, Cesena, Ferrara, Pesaro, Ravenna, Reggio Emilia, per elencarne alcune. Questa esperienza consente di immaginare anche per il Friuli Venezia Giulia una serie di progetti di ciclabili che connettono le città capoluoghi con i Comuni che le circondano e che sono strettamente interconnessi sulla mobilità. Casa, lavoro, scuola, svago, unendo le piccole municipalità strettamente affiancate praticamente senza soluzione di continuità”. Così esordisce la consigliera regionale Serena Pellegrino di Alleanza Verdi e Sinistra, annunciando l’approvazione del proprio emendamento nella legge di bilancio 2024 in approvazione in questi giorni da parte dell’Assemblea legislativa Fvg.

“Con questo provvedimento – spiega Pellegrino -, viene concepito e inteso un nuovo modo di vedere i percorsi ciclabili all’interno della città e del loro hinterland. Una volta portato a termine il progetto, la realizzazione prevede una serie di percorsi principali, identificati con degli assi colorati che vengono messi in evidenza rispetto al resto della rete. Si realizzano specifici itinerari che individuano i tratti preferenziali cherappresentano la rete primaria”.
“L’utilizzo di questa gerarchia dei percorsi – prosegue la consigliera di Avs – ha una duplice valenza nei confronti dei ciclisti che la utilizzano. Coloro che la percorrono giornalmente, nei loro trasferimenti hanno la possibilità di muoversi in bicicletta velocemente e in sicurezza attraverso la rete principale, ma ha un ulteriore valore: grazie ai percorsi colorati i turisti, che percorrono la nostra regione, sono in grado di orientarsi più facilmente sul territorio, potendo usare il colore dei percorsi per individuare i luoghi di interesse (monumenti, musei, spiagge, parchi, ecc.)”.

“Gli assi della rete individuano dei nodi in corrispondenza delle loro intersezioni e nei punti di interesse della città. Il proposito di questa schematizzazione – conclude l’esponente di Opposizione – è quello di generare un sistema di spostamenti facile, intuitivo e allo stesso tempo veloce seguendo la rappresentazione logica di una metropolitana. Il sistema della bicipolitana così concepito fornirà ai ciclisti dei percorsi ciclabili che consentono spostamenti più veloci e più sostenibili, con l’auspicio di limitare anche per i nostri corregionali gli spostamenti in automobile”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

In primo piano