Seguici su

Basket

Vittorioso il debutto dell’APU nella fase ad orologio

Inizia bene la fase ad orologio per l’Old Wild West Udine che piega la Wegreenit Urania Milano per 90 a 72 tra le mura amiche del Carnera

Lorenzo Pegoraro

Pubblicato

il

Da Ros va a canestro contro Milano
Old Wild West Udine piega la Wegreenit Urania Milano per 90 a 72

UDINE – Inizia bene la fase ad orologio per l’Old Wild West Udine che piega la Wegreenit Urania Milano per 90 a 72 tra le mura amiche del Carnera. Guidata da un ispirato Da Ros (16 punti e ben 6 assistenze), autore di alcuni canestri ed assist spettacolari, la formazione bianconera ha messo in campo una prestazione sul modello di quelle di un mesetto fa, con una grande gioco corale, la palla che gira velocemente e con precisione ed una difesa che, quando si accende, concede poco agli avversari.

Con una differenza: Quirino De Laurentiis ha finalmente fatto il suo debutto in maglia bianconera. L’ex Scafati ha aggiunto solidità e presenza a rimbalzo alla squadra di coach Vertemati, dimostrando già una buona velocità ed intesa con i compagni. Per lui solo qualche problema di falli (4 in 13′) in un scout che lo vede premiato di 8 punti e 3 rimbalzi.

Contro i lombardi che annoverano in squadra gli ex Amato (sempre un bel giocatore) e Beverly (gran “fisicaccio”, ma apparso un po’ svogliato), la partita è stata in equilibrio per i primi due quarti. Milano, anzi, con una tripla di Montano si era portata sul +5 (14-19) durante il primo quarto, ma nella seconda frazione di gioco i canestri e le iniziative di Monaldi e Gaspardo han cambiato l’inerzia del match che è passata nelle mani di Udine arrivata +9 già all’intervallo.

Nella terza frazione di gioco, le “magie” di Da Ros ed alcuni buoni canestri di Ikangi (che si “smazza” in difesa su Amato) hanno progressivamente aumentato il divario di punteggio tra le due squadre che ha raggiunto i 18 punti a favore dei padroni di casa già al 30′, differenza che permarrà anche alla fine del match. L’ultima frazione di gioco, infatti, non ha visto l’Urania rendersi più pericolosa, mentre l’APU ha potuto dosare forze e tempi di gioco: Vertemati ha mandato sul parquet anche il giovane Marchiaro, mentre Arletti si è tolto la soddisfazione di un “dunk” stile NBA nelle ultime battute di gioco.

Ora, complice la sosta forzata per gli impegni con la nazionale argentina di Delia, i bianconeri non disputeranno incontri ufficiali per oltre due settimane. Il prossimo impegno calendarizzato per Monaldi e compagni è in programma il 3 marzo ad Agrigento contro la formazione locale dell’ex Fabi.

APU OLD WILD WEST UDINE – WEGREENIT URANIA MILANO 90-72 (20-23, 50-41, 75-57)

Apu Old Wild West Udine: Matteo Da Ros 16 (5/7, 2/4), Mirza Alibegovic 14 (1/5, 4/7), Lorenzo Caroti 11 (0/0, 3/6), Iris Ikangi 9 (3/5, 1/2), Jason Clark 9 (2/4, 1/4), Marcos Delia 8 (4/8, 0/0), Quirino De laurentiis 8 (3/4, 0/0), Raphael Gaspardo 7 (2/2, 1/3), Diego Monaldi 6 (0/0, 2/8), Gianmarco Arletti 2 (1/1, 0/0), Benjamin Marchiaro 0 (0/0, 0/0), Michele Zomero n.e.. All. Vertemati.

Wegreenit Urania Milano: Andrea Amato 13 (2/7, 3/9), Giddy Potts 12 (4/5, 1/5), Aristide Landi 12 (2/5, 2/3), Gerald Beverly 8 (2/6, 0/1), Ion Lupusor 7 (3/4, 0/2), Davide Bonacini 7 (1/3, 1/2), Giorgio Piunti 6 (1/1, 0/0), Giovanni Severini 4 (2/5, 0/0), Matteo Montano 3 (0/1, 1/3), Theo Anchisi n.e., Samuele Solimeno n.e.. All. Villa.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

In primo piano