Seguici su

Animali

Scoperto allevamento abusivo di Labrador ad Attimis

Un allevamento abusivo di Labrador è stato scoperto ad Attimis: trentun cani, tra cui cuccioli e adulti, vivevano in condizioni disumane

Avatar

Pubblicato

il

Labrador in gabbia
Labrador in gabbia ( © Depositphotos)

ATTIMIS – In un episodio scioccante che ha messo in luce gravi maltrattamenti sugli animali, trentun cani di razza Labrador sono stati sequestrati da un allevamento abusivo ad Attimis. La scoperta, effettuata dal Corpo forestale regionale delle stazioni di Cervignano e di Cividale, ha suscitato indignazione e preoccupazione tra gli amanti degli animali e la comunità locale.

Alla fine di giugno, il Corpo forestale regionale, specializzato in benessere animale, ha effettuato un’operazione decisiva. L’intervento è stato reso possibile grazie alla segnalazione di un cittadino che, desideroso di acquistare un cucciolo di Labrador, aveva scoperto le condizioni disumane in cui gli animali venivano tenuti. L’uomo aveva trovato gli annunci di vendita dei cuccioli online e si era recato presso l’abitazione di una coppia di Attimis.

Le condizioni dei labrador

La situazione rilevata dal Corpo forestale era sconcertante. Gli spazi dell’abitazione erano del tutto insufficienti e inadeguati per la detenzione di più di quaranta cani. Pur disponendo di un ampio giardino, la casa era priva delle strutture necessarie al benessere degli animali. Gli otto cani adulti riproduttori vivevano in gabbie di ridotte dimensioni, così strette da non permettere loro neanche di girarsi o mettersi in posizione eretta. Inoltre, i cuccioli venivano separati dalle madri a soli un mese di vita, una pratica contraria alle normative che richiedono almeno due mesi prima dell’allontanamento.

Vendita online e mancanza di autorizzazioni

La coppia pubblicizzava la vendita dei cuccioli su social network e piattaforme online come Subito.it, attirando potenziali acquirenti con la promessa di pedigree e cuccioli di razza. Tuttavia, non possedevano alcuna autorizzazione sanitaria per l’allevamento. La scoperta delle condizioni disumane ha portato all’immediato sequestro degli animali.

La denuncia e le conseguenze legali

La coppia di Attimis è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Udine per maltrattamento di animali e detenzione in condizioni incompatibili con la loro natura etologica e fisiologica. Dei trentun Labrador sequestrati, ventuno erano cuccioli e dieci adulti. I cani sono stati immediatamente affidati alle cure dei veterinari dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale, dove hanno ricevuto le attenzioni necessarie per il loro recupero.

Importanza delle segnalazioni dei cittadini

Questo caso mette in evidenza l’importanza delle segnalazioni dei cittadini per la protezione degli animali. Grazie alla prontezza di una persona, è stato possibile porre fine a una situazione di grave maltrattamento. Le autorità invitano chiunque noti situazioni simili a contattare immediatamente le forze dell’ordine o le associazioni per la protezione degli animali.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità