Seguici su

Basket

L’OWW con un grande Walters supera Chiusi

Pubblicato

il

Palla a due tra Udine e Chiusi

UDINE – In gara-1 di semifinale, una convincente Old Wild West Udine batte l’Umana Chiusi per 69 a 53.

Coach Boniciolli recuperava la guardia americana Lacey, assente da gara-1 dei quarti di finale, ma non poteva disporre dell’ala Esposito, infortunatosi nel corso dell’ultimo match contro San Severo. La guardia americana, pur senza forzare, ha contributo a rendere il gioco dell’APU più fluido ed a beneficiarne è stato anche Giuri, autore di una buona prestazione dopo alcune prove grige degli ultimi match.

Chiusi si è dimostrata squadra tutt’altro che rassegnata ad alzare bandiera bianca ed ha impensierito a lungo Udine anche se, primo quarto a parte (terminato 17 a 16 per gli ospiti), l’incontro è stato saldamente nelle mani dei padroni di casa. Nel secondo quarto, con in campo il terzetto di “piccoli” Cappelletti, Giuri e Nobile, i bianconeri hanno creato il gap con Chiusi (36-20) che è stato mantenuto, con pochi alti e bassi, sino alla fine.

Le armi messe in mostra dai toscani sono state, principalmente, due: il lungo Wilson (15 punti e 5 rimbalzi), capace di giocare vicino e lontano da canestro, su cui Udine, considerata l’assenza di Esposito, ha qualche difficoltà in marcatura e la grande intensità e velocità difensiva a metà campo, con pressing sul portatore di palla, che ha causato diverse palle perse dei friulani ed altrettanti contropiedi dell’Umana.

Udine, d’altro canto, ha spadroneggiato sotto canestro (48 a 33 il computo dei rimbalzi) ed ha avuto un Walters che, dopo la “lavata di capo” dell’ultimo match con San Severo, è stato il migliore in campo segnando 17 punti ed arpionando 10 rimbalzi. Il centro avversario Ancellotti, non proprio l’ultimo arrivato e con un passato a Treviso, è stato annichilito e se lo dovrà studiare bene in vista del prossimo match. E’ inoltre tornata, in tutta la sua evidenza, la difesa di ferro della formazione di Boniciolli che ha costretto gli avversari a realizzare solo 53 punti.

L’allenatore dell’APU ha tirato un sospiro di sollievo raccontando della settimana difficile che ha preceduto il match: “Venivamo da una settimana complicata per la condizione fisica di alcuni giocatori. Non siamo riusciti a fare 5 contro 5 in allenamento durante tutta la settimana, Mussini non si è mai allenato perché non riusciva nemmeno ad alzare il braccio. Sono state la prestazione difensiva e quella a rimbalzo che ci hanno consentito di esordire in questa serie con una vittoria importante. Walters ha fatto vedere di essere l’unico giocatore immarcabile della Lega quando non pensa agli arbitri, mentre Lacey, che rientrava dall’infortunio, ha dimostrato la sua importanza segnando alcuni canestri in momenti importanti”.

Martedì, sempre al Carnera, è in programma gara-2.

APU OLD WILD WEST UDINE – UMANA CHIUSI 69-53 (16-17, 39-31, 56-43)

APU OLD WILD WEST UDINE: Cappelletti 14 punti, Walters 17, Mussini, Pieri, Antonutti 7, Giuri 8, Nobile 2, Pellegrino 8, Italiano 3, Lacey 10, Ebeling. All. Matteo Boniciolli.

UMANA CHIUSI: Criconia 5, Fratto, Musso 3, Biancotto, Medford 14, Braccagni ne, Pollone 4, Wilson 15, Raffaelli 9, Possamai, Ancellotti 3. All. Giovanni Battista Bassi.