Seguici su

Basket

Una buona ripresa regala a Udine la seconda vittoria in Supercoppa

Pubblicato

il

Mussini a canestro contro Ferrara

UDINE – Nel secondo turno di Supercoppa, l’Old Wild West Udine bissa la vittoria esterna contro Mantova (77-73) di venerdì scorso imponendosi sul Kleb Ferrara per 72 a 58 tra le mura amiche del Carnera.

Udine ha vinto, piuttosto nettamente, tre quarti del match con gli estensi (il primo, il terzo ed il quarto), andando invece fuori controllo nel secondo in cui ha subito un parziale di 18 a 7 a favore degli estensi. Un andamento che segnala che questa APU, tuttora priva del secondo straniero Briscoe, è ancora un cantiere aperto, una squadra che deve imparare a conoscersi per trovare la giusta amalgama. Anche se già fa intravedere i lampi di classe di cui questa squadra è largamente accreditata.

Dopo un primo quarto in cui la manona morbida dalla media di Cusin e gli assist “al bacio” di Palumbo hanno portato Udine fino al +11 (21-10) e consentito anche l’esordio in bianconero di Fantoma, i friulani hanno giocato una seconda frazione di gioco pessima. Tiri, anche aperti, sbagliati (in particolare di Sherrill), circolazione di palla lenta, difesa non irreprensibile hanno servito sul piatto d’argento la rimonta per Ferrara che ha potuto contare sui canestri delle guardie Bellan e Cleaves e sulla consistenza sotto canestro del lungo Smith autore anche di uno spettacolare alley-oop.

In un terzo quarto rallentato dal tempo utilizzato per asciugare il parquet scivoloso (colpa del sudore o di una crema caduta accidentalmente?), Udine ha ripreso a comandare il gioco mettendo a segno nelle battute iniziali tre triple con tre giocatori diversi (Antonutti, Gaspardo e Mian) e stringendo le maglie difensive. Nell’ultimo quarto, i bianconeri si sono tolti definitivamente la “scimmia” dalle spalle ed hanno espresso un basket frizzante con alcune giocate in contropiede del duo “mignon” Sherrill – Mussini (13 punti, al pari di Gaspardo, per quest’ultimo) e chiudendo i varchi difensivi grazie  al concreto apporto di Pellegrino in difesa (spettacolare una sua stoppata su Cleaces) e di un pimpante Esposito, positivo pure in attacco. Nel finale, acquisita la vittoria, spazio di nuovo a Fantoma e all’utilizzo del quintetto basso con Esposito da 5 e Gaspardo da 4.

In un precampionato sui generis, in cui, come osservato da Boniciolli, il periodo in cui un allenatore dovrebbe potere fare prove “sine poena” viene trasformato in un torneo ufficiale come quello di Supercoppa,  il calendario , dopo Mantova e Ferrara, manda già in scena il primo match tra APU Udine e UEB Cividale: le due formazioni friulane si affronteranno al Carnera il prossimo sabato alle ore 20. E che sia una bella festa di basket e di sport, a prescindere dal risultato finale, davvero poco importante in questo periodo dell’anno, e di come si è arrivati a questo derby molto particolare!

APU OLD WILD WEST UDINE – KLEB BASKET FERRARA 72-58 (21-10, 28-28, 48-40)

APU OLD WILD WEST UDINE: Mussini 13 punti, Palumbo 3, Mian11, Antonutti 7, Gaspardo 13, Cusin 7, Fantoma, Esposito 9, Nobile, Pellegrino 6, Sherrill 3. All. Matteo Boniciolli.

KLEB BASKET FERRARA: Bellan 11 punti, Cleaves 16, Tassone 5, Smith 8, Campani 7, Bertetti, Valente ne, Jerkovic 9, Pianegonda 2, Cazzanti ne, Cavicchi ne, Amici ne. All. Spiro Leka.