Seguici su

Cronaca

Ambiente: positivi i dati della qualità dell’aria nel 2023 in Friuli Venezia Giulia

L’assessore Scoccimarro interviene sulle rilevazioni di Arpa Fvg relative all’anno appena concluso

Avatar

Pubblicato

il

FVG – “I dati della qualità dell’aria in Friuli Venezia Giulia nel 2023 confermano la bontà delle azioni messe in campo dall’Amministrazione regionale in questi anni. Le riconversioni dell’area a caldo della Ferriera di Servola e della centrale termoelettrica di Monfalcone sono senza dubbio risultati importanti che hanno contribuito sensibilmente alla decarbonizzazione del golfo di Trieste. Ma anche la continua incentivazione, al contrario dell’imposizione con tasse e sanzioni, alla transizione energetica sta garantendo al Friuli Venezia Giulia di produrre energia a impatto sempre più ridotto, grazie alle centinaia di milioni di euro investiti per l’installazione dei pannelli fotovoltaici per ogni soggetto della nostra comunità, pubblico o privato”. L’assessore regionale alla Difesa dell’ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Fabio Scoccimarro ha commentato così i dati statistici diffusi da Arpa Fvg sulla qualità dell’aria in regione nel 2023, che rilevano nel complesso un sostanziale rispetto dei limiti normativi su buona parte del territorio.

Tra i dati più positivi si registra quello relativo alla concentrazione di ozono, inquinante caratteristico del periodo estivo, con una minor frequenza rispetto al 2022 di superamento dei valori limite. L’indagine conferma, inoltre, che le zone con migliori indici di qualità dell’aria (concentrazione media e numero di superamenti) sono quelle orientali della regione, la fascia di costa e la montagna.
“Viaggiamo a passi spediti verso una valle dell’idrogeno sempre più concreta, eccellenza e riferimento d’Europa, come anche si procede per abbattere le emissioni delle navi in banchina con l’elettrificazione del Porto di Trieste – ha aggiunto Scoccimarro – . Questa è la nostra visione di sviluppo sostenibile della nostra economia, al fianco delle imprese e dei cittadini. Proprio questi ultimi a breve beneficeranno di contributi per 3 milioni di euro per la sostituzione di vecchie stufe e per l’efficientamento dei camini, così da abbattere ulteriormente l’impatto antropico sull’atmosfera in zone attualmente critiche”.

L’esponente della Giunta ha infine spiegato che le misure “strutturali e programmatiche” della Regione sul fronte ambientale sono contenute nel Piano regionale della qualità dell’aria, che prevede azioni volte alla riduzione delle emissioni e a garantire lo sviluppo del territorio. “L’obiettivo – ha sottolineato l’assessore –  è di lasciare ai nostri figli e nipoti un’ambiente più verde e, al tempo stesso, un’economia più florida”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?