Seguici su

Eventi & Cultura

“Perché Icaro ha volato veramente!” Intervista a Remo Anzovino in attesa del concerto al Teatrone

Piano solo mercoledì 6 al Giovanni da Udine, ancora qualche biglietto disponibile

Avatar

Pubblicato

il

Remo Anzovino, sarà protagonista al Teatrone mercoledì 6 marzo
Remo Anzovino, sarà protagonista al Teatrone mercoledì 6 marzo

UDINE – Richiestissimo in ogni dove, di recente su RAI3 ospite della trasmissione di Geppi Cucciari, in una specie di maratona tra concerti ed ospitate, dal Festival del Giornalismo di Verona al recente concerto del Miela, arriva finalmente in quel di Udine per la prima volta in piano solo uno dei più amati musicisti corregionali riconosciuti in tutto il mondo: Remo Anzovino.

Titolo: Don’t forget to fly! Sottotitolo: una seconda chance per Icaro. A suggerirci quest’ispirata ipotesi è proprio il pianista originario di Pordenone, protagonista mercoledì sera di un attesissimo recital al Teatrone che, avvicinato in questa intervista, ci anticipa alcune curiosità dello show.

“DFtF è una suite che andrò ad eseguire per intero ed il live vertirà in pratica su tre parti. La prima la definirò onirica e minimalista: partendo infatti dal presupposto che siamo costantemente bombardati da immagini – smartphone, tv, internet, cartelli, monitor – in una sovraesposizione perpetua, ho pensato di fare… l’esatto opposto! Arrivo, mi inchino al pubblico e trasporto lo spettatore in questo sogno, solo ed esclusivamente con il suono, nell’aria, elemento che conosciamo così poco, quasi partendo da una fase REM.”

“Nella seconda parte invece” prosegue il nostro ospite “lo spettatore verrà coinvolto nella suggestione di prendere il volo, abbandonando la pesantezza dei pensieri che ci ancorano a terra, vincendo la forza di gravità, prendendo coscienza del distacco. Il mito di Icaro, che io assumo a modello, è stato spesso interpretato in maniera superficiale in quanto è sì vero che cercando di avvicinarsi al sole – per curiosità, superando quei confini che all’uomo sono preclusi dalla natura – si brucerà, facendo sciogliere le ali di cera – però è altrettanto corretto affermare che egli abbia veramente volato, ed è ciò che cercheremo di fare anche noi!”

“Ultimo momento, al termine della suite, andrò su un territorio diametralmente opposto – in controfase – pescando dal mio repertorio tutte le composizioni più ritmate, ricche di groove, non prima di aver eseguito le musiche del documentario Borromini e Bernini – sfida alla perfezione e alcune tracce dalle Ninfee di Monet” che i più fortunati e assidui frequentatori hanno già avuto occasione di ascoltare nel recital di qualche anno fa in compagnia di Marco Goldin sull’Impressionismo.

“E’ la prima volta in assoluto pianoforte – Steinway gran coda – solo al Teatrone, ed è una cosa che qui hanno fatto davvero in pochi grandi, quindi l’emozione è davvero enorme e sarà un piacere suonare per un pubblico sempre attento e dal palato fine come quello udinese” la conclusione di Remo.

In agenda: Remo Anzovino “Don’t forget to fly!” – piano solo al Teatro Nuovo Giovanni da Udine: mercoledì 6 marzo, ore 21.00

Ancora biglietti disponibili sul circuito Ticketone e alla biglietteria del teatro

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?