Seguici su

Udine

Centri estivi 2024: domande raddoppiate e più famiglie coinvolte

L’Amministrazione Comunale di Udine annuncia l’avvio dei centri estivi, con numeri record di iscrizioni e un aumento del 60% delle famiglie partecipanti. Investimenti significativi e nuove attività arricchiscono l’offerta per i bambini e i ragazzi

Avatar

Pubblicato

il

Conferenza stampa Federico Pirone - Centri estivi
Conferenza stampa Federico Pirone ( © Depositphotos)

UDINE – Con l’inizio della prossima settimana, il Comune di Udine dà il via alle attività dei centri ricreativi estivi, un servizio sempre più richiesto dalle famiglie. Quest’anno, i numeri parlano chiaro: domande raddoppiate e un aumento del 60% delle famiglie coinvolte rispetto a due anni fa. L’assessore a Istruzione e Cultura Federico Pirone esprime soddisfazione per i risultati raggiunti e le novità introdotte.

Crescita esponenziale delle iscrizioni

Grazie all’anticipo delle procedure di iscrizione, le domande sono raddoppiate rispetto al 2022, passando da 1617 a 3233. Questo incremento testimonia il gradimento delle famiglie per il servizio offerto. Nonostante la forte crescita, i posti disponibili sono aumentati del 20% negli ultimi due anni, garantendo un posto a tutti i bambini che hanno fatto richiesta.

Inclusività e supporto alle famiglie

Le famiglie coinvolte sono aumentate di 315 unità rispetto al 2022, permettendo a più bambini di usufruire delle attività estive. La fascia d’età tra i 6 e gli 11 anni ha registrato il maggior incremento, con 1052 iscrizioni su 1110 posti disponibili, segnando un aumento del 21% rispetto all’anno scorso. Anche per la fascia 3-6 anni e quella 11-14 anni, i numeri delle iscrizioni sono positivi, dimostrando una forte richiesta in tutte le fasce d’età.

Investimenti significativi e nuove attività

Il Comune di Udine ha deciso di investire 810 mila euro annualmente per i prossimi tre anni, un aumento di 260 mila euro rispetto al 2022. Questo finanziamento ha permesso non solo di ampliare i posti disponibili ma anche di migliorare il servizio complessivo. Tra le novità, spicca l’inserimento di nuove figure professionali nelle equipe di educatori e l’implementazione di attività sportive e progetti educativi bilingui legati alla lingua friulana.

Collaborazioni e nuove sedi

Quest’anno, la collaborazione con il Museo Friulano di Storia Naturale sarà potenziata, con oltre 50 visite e laboratori sul cambiamento climatico. Le sedi dedicate all’infanzia includono la Zambelli, la Baldasseria Media, e le new entry Pick e Taverna. Per le scuole primarie, le sedi disponibili saranno la Nievo, la Negri, la Pellico, la Girardini e la Divisione Julia.

Un servizio sempre più a misura di famiglia

L’assessore Pirone sottolinea come l’anticipazione delle iscrizioni di due mesi abbia permesso alle famiglie di pianificare meglio le vacanze e trovare un valido supporto nell’organizzazione dei tempi familiari. Le nuove figure professionali e le attività sportive e bilingui introducono un ambiente stimolante e educativo, rispondendo alle esigenze dei bambini e dei ragazzi.

Un’estate ricca di opportunità

I centri estivi comunali di Udine offrono un’opportunità unica per bambini e ragazzi di trascorrere l’estate in un ambiente sicuro, educativo e divertente. Grazie agli investimenti e alle novità introdotte, le famiglie possono contare su un servizio di alta qualità, in grado di supportare le loro esigenze durante il periodo estivo.

Continua a leggere le notizie di Diario FVG e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità