Seguici su

Cronaca & Attualità

A Udine arrivano la “zona rossa” e il Daspo urbano

La giunta comunale, come ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Alessandro Ciani, ha agito in accordo con la questura

Avatar

Pubblicato

il

UDINE – Sarà realtà anche a Udine il Daspo urbano, provvedimento che consente di allontanare dalla città chi assume un comportamento contrario al decoro cittadino. La giunta comunale ha definito la “zona rossa”, e cioè il perimetri entro il quale sarà necessario rigare dritto per non rischiare di incorrere nel Daspo.

La giunta comunale, come ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Alessandro Ciani, ha agito in accordo con la questura. In pratica la Polizia locale, se nella “zona rossa” troverà qualcuno che si comporta non secondo le regole (ubriachezza molesta, comportamenti contrari alla pubblica decenza, bivaccare impedendo l’accesso a luoghi pubblici, svolgere un’attività di parcheggiatore abusivo o di commerciante abusivo), può far scattare un suo allontanamento per 48 ore (oltre a una multa tra 100 e 300 euro). Nel caso di una reiterazione del comportamento, sarà il questore a intervenire facendo scattare il Daspo vero e propio, con un divieto di ritorno in città fino a 12 mesi. La violazione del Daspo è punita con l’arresto da 6 mesi a un anno.

La “zona rossa” comprende il centro storico, l’area di borgo stazione, ma anche viale Trieste, piazzale Osoppo, piazzale XXVI Luglio. Nel perimetro rientrano pure le zone ospedaliere, i parchi cittadini, i cimiteri. “Un provvedimento – chiarisce Ciani – che riteniamo utile per mantenere il decoro urbano della nostra città”. La giunta ha anche provveduto a estendere sine die l’ordinanza di divieto di bevande alcoliche nelle aree pubbliche di borgo stazione.

3 Commenti

3 Comments

  1. Avatar

    sergio

    5 Febbraio 2020 at 07:56

    era ora

  2. Avatar

    Dori

    5 Febbraio 2020 at 23:00

    Sono d’accordo‼‼‼‼‼

  3. Avatar

    Petrolio

    6 Febbraio 2020 at 14:27

    Compreso i neri che stazionano all’ingresso dei supermercati?

You must be logged in to post a comment Login

Tu cosa ne pensi?